Cabtutela.it
acipocket.it
ferrovieappulolucane.it

Il Museo Civico di Bari riapre al pubblico domani, giovedì 13 maggio, alle ore 18, con una mostra personale di DiRò, duo artistico barese formato da Vincenzo Di Cillo e Patrizia Rossini. Paroleinrame, terza edizione, presenta un’ampia selezione di opere recenti, quadri e sculture che utilizzano il rame come principale mezzo espressivo.

“Ci sono tanti modi per accostarsi ai lavori di DiRò. Il primo livello, immediato, percettivo, è quello formale – scrive la curatrice, Antonella Marino -. Facile essere catturati dall’esuberanza sensuale delle tele, con lastre in rame assemblate in composizioni astratte che oscillano tra il rigore geometrico e l’impulso vitalistico, in simbiosi con inserti materici, corde, frammenti di pelle, specchietti, sedimenti oggettuali. Facile sorprendersi inoltre per la trasformazione delle foglie di rame in autonome volumetrie di corpi, sfere, barchette… Facile, ancora, lasciarsi attrarre dai giochi cromatici delle superfici lucide, levigate o corrose grazie a pilotati processi chimici, ossidazioni che “dipingono” bagliori iridescenti, macchie vibranti, riverberi di gemme preziose.

Il rame del resto ha una lunga storia creativa, che ha interessato anche molti artisti contemporanei. Nel caso dei DiRò si è trattato di una vera e propria fascinazione, avvenuta all’inizio quasi per caso. Dopo una brevissima parentesi pittorica, il rame è diventato il loro materiale d’elezione, quasi un marchio di fabbrica. Duttile e versatile. Ma anche mutevole, metamorfico e, una volta attivata la reazione chimica, prevedibile e controllabile solo in parte. Proprio come la vita.

Ed è qui che s’innesta un secondo, fondamentale livello di questa ricerca: il processo creativo del rame quale metafora della nostra esistenza. Se ci avviciniamo e sincronizziamo i nostri cellulari con il QRcode posto sotto gran parte delle opere, queste ci parlano. Una voce femminile calda, la voce di Caterina Firinu, d’intonazione attoriale, ci conduce in una sfera profonda, intima, pensosa. Scandita da brevi riflessioni, che accompagnano le tessere sparse di un puzzle esistenziale intriso di fragilità, speranze, paure, sogni”.

Al vernissage, accanto ai due artisti e alla curatrice della mostra, interverranno il sindaco di Bari Antonio Decaro e l’assessora alle Culture Ines Pierucci. Durante l’inaugurazione l’ingresso sarà contingentato, con un massimo di 25 persone per volta.

La mostra sarà visitabile dal lunedì al venerdì ore 10.00 -14.00 /16.00 -18.00 Sabato e domenica su prenotazione. Martedì chiuso. Ingresso gratuito nei giorni feriali. Ingresso con visita guidata a pagamento nei giorni festivi (sabato e domenica ore 11.00). Prenotazione visite guidate obbligatoria entro le ore 13.00 del venerdì (email: info@museocivicobari.it , tel. 080 5772362) Le visite guidate, al costo di 5 euro a persona, saranno effettuate a raggiungimento numero minimo di 10 persone.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui