Cabtutela.it
aqp.it
ferrovieappulolucane.it

“Fermiamo la strage nei luoghi di lavoro!” Questo il monito secondo cui Cgil Cisl Uil di Puglia hanno aderito all’appello lanciato dai rappresentanti sindacali nazionali durante la scorsa Assemblea unitaria e organizzano per la giornata di domani la prima di una serie di assemblee nei luoghi di lavoro della regione.

“Una campagna che punta a sensibilizzare opinione pubblica e tutti i soggetti coinvolti – affermano i segretari generali delle sigle sindacali, Pino Gesmundo, Antonio Castellucci e Franco Busto – ma anche per delineare interventi e azioni da mettere in campo. Lanciamo quella che è stata definita una campagna di re-azione, fatta di incontri sui luoghi di lavoro ai quali parteciperanno i nostri delegati e rappresentanti per la sicurezza – proseguono – perché tramite loro siamo impegnati ogni giorno nelle attività produttive come presidio e agenti di quel cambiamento che deve spingere prima di tutto a un cambio culturale: la sicurezza come diritti fondamentale e non costo, il rispetto della salute e della vita delle persone prima del profitto”.

Una regione, la Puglia, che solo nei primi tre mesi del 2021 ha contato circa 6mila denunce di infortuni sul lavoro, una media di 63 al giorno e 13 casi mortali. Di contro i dati dell’Ispettorato nazionale del lavoro certificano livelli di irregolarità altissimi tra le imprese: nel 2020 in Puglia su quasi 8.794 imprese oggetto di ispezione quelle non in regola sono state il 66,65%, con oltre duemila lavoratori in nero scoperti su un totale di 5.200 coinvolti dai controlli. A livello nazionale Cgil Cisl Uil hanno proposto un Patto per la Sicurezza e che si attivi una Cabina di Regia permanente alla Presidenza del Consiglio tra Governo e Parti Sociali per monitorare e agire insieme. Una strategia che deve essere finanziata anche con il Pnrr e i fondi per la coesione europei e nazionali e condizionata alle piene garanzie di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, alla regolarità contrattuale e alla legalità.

 “Come sindacato confederale abbiamo la nostra piattaforma che illustreremo nel corso delle nostre assemblee e nei tavoli che chiederemo con istituzioni e organismi di controllo – commentano Gesmundo, Castellucci e Busto – In primis la formazione, anche per i datori di lavoro che intendono avviare un’attività. Iniziare a studiare la sicurezza sui luoghi di lavoro fin dalla scuola. Migliorare il servizio ispettivo, integrando le banche dati, sviluppando i servizi di prevenzione, adeguando dotazione e organici. Ancora, costruire un’anagrafe dei rappresentanti per la sicurezza sui luoghi di lavoro, rafforzando il ruolo del sindacato e arrivando all’obiettivo che nessuna azienda sia senza il Rappresentante per la sicurezza”.

“Partiamo il 20 con un piano di assemblee e di mobilitazione nei luoghi di lavoro e nei territori – concludono i segretari di Cgil Cisl Uil Puglia – per dire basta con questo stillicidio di infortuni, perché dobbiamo creare condizioni affinché il lavoro sia strumento di emancipazione come da dettato Costituzionale, un lavoro per vivere e non certo per morire”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui