Cabtutela.it
aqp.it
ferrovieappulolucane.it

La spiaggia cittadina Torre Quetta sarà riaperta quasi certamente a partire da fine luglio. Si è tenuta questa mattina in modalità telematica la seduta pubblica del seggio di gara convocato per l’esame delle proposte pervenute nella procedura indetta dal Comune di Bari per la concessione demaniale marittima con finalità turistico ricettiva, avente ad oggetto aree, manufatti e servizi della spiaggia di Torre Quetta. Alla seduta pubblica sono stati invitati a partecipare da remoto tutti i soggetti ammessi a seguito della prima disamina della documentazione amministrativa prodotta.

Al termine delle procedure previste, dopo aver inserito nella piattaforma telematica tutti i rialzi, l’offerta economica più vantaggiosa è risultata essere quella della MAPI srl con un rialzo percentuale del 4650,066% del canone demaniale posto a base di gara (35mila euro). Le aree appartengono quasi interamente al Demanio marittimo e, pertanto, il canone è in tali proporzioni di competenza statale. Saranno ora avviate le verifiche di legge sui requisiti finalizzate all’aggiudicazione definitiva della concessione.

La concessione oggetto del bando riguarda la gestione del parcheggio, con definizione del costo per la sosta determinato dall’amministrazione, del campo di beach volley e, infine, dei chioschi e gazebo riservati alla attività di vendita di alimenti e bevande. Sono inclusi a carico del soggetto aggiudicatario gli oneri connessi alla pulizia, alla manutenzione (con esclusione della manutenzione degli impianti elettrici), alla custodia dell’intero compendio e dei bagni pubblici presenti, con esclusione della manutenzione dei pontili e della spiaggia in ciottoli, per cui l’amministrazione comunale nelle prossime settimane provvederà ad affidare i lavori. Nella concessione quest’anno è stato inserito anche il servizio per garantire la sicurezza della balneazione in conformità alle norme vigenti.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui