aqp.it
lapugliativaccina.regione.puglia.it

Proseguono i lavori di restyling allo stadio San Nicola di Bari. A comunicarlo il sindaco, Antonio Decaro che, al fianco dell’assessore allo sport e all’ambiente Pietro Petruzzelli, ha illustrato in un video pubblicato sui social gli operai al lavoro intenti a rimuovere i vecchi seggiolini.

“Abbiamo iniziato di qui per esigenze di partite di campionato e anche per i concerti che si terranno quest’anno” – ha sottolineato Decaro – “subito dopo saranno sostituiti i fari dell’illuminazione.  I lavori dell’impianto elettrico sono già cominciati e poi per questa estate alla fine del campionato integreremo tutte le coperture. Abbiamo già aggiudicato i lavori” – ha sottolineato.

L’investimento per i lavori era stato annunciato negli scorsi mesi. Si tratta di 9 milioni di euro che il Comune investirà con l’intento di effettuare migliorie allo stadio della città.  Costruito per i Mondiali di calcio del 1990, “l’astronave” di Renzo Piano attende ora importanti interventi di manutenzione straordinaria per ottenere l’omologazione in caso di promozione in serie B.

“Se dovesse succedere – ha aggiunto Decaro – ci facciamo trovare pronti. Per omologare lo stadio per una serie superiore è necessario procedere con questi lavori” – ha concluso. “Inizieremo dalla curva Sud – ha spiegato invece Petruzzelli,  perché si può tranquillamente lavorare senza problemi con la rimozione di tutti i seggiolini della parte bassa. Poi passeremo alla parte alta della curva sud per poi passare alle altre. A breve dovrebbero anche iniziare le operazioni di rimozione del maxischermo che poi sarà sostituito con uno nuovo, insieme al sindaco e al presidente De Laurentis stiamo anche pensando di tenere da parte qualcuno dei seggiolini facendoli firmare dai giocatori per provare a fare una raccolta fondi nei confronti dell’Ucraina, coinvolgendo i tifosi più appassionati. Renderemo lo stadio bello com’era 30 anni fa” – ha concluso.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui