lapugliativaccina.regione.puglia.it

Con un accordo triennale, rinnovabile, il Poliba e il colosso giapponese, NTT Data (gruppo NTT, Nippon Telegraph and Telephone), hanno avviato ufficialmente un percorso di collaborazione scientifica nel quale le attività di studio, analisi e ricerca condotte dal Politecnico potranno integrare le corrispondenti attività e servizi erogati dalla Società nipponica. L’accordo risponde alla volontà della multinazionale del Sol Levante di valorizzare la ricerca accademica sul territorio e ridurre il gap esistente tra mondo della scuola e mercato del lavoro.

Le forme di collaborazione – è scritto nell’accordo – avranno ad oggetto, in particolare, la trasformazione digitale delle aziende, attraverso un uso sempre più estensivo delle nuove tecnologie. Ciò permetterà il ridisegno dei processi aziendali e un percorso di aggiornamento e cambiamento delle capacità professionali del personale che opera nell’impresa mediante lo sviluppo di nuove competenze digitali.

L’iniziativa si sviluppa parallelamente all’apertura dei nuovi uffici di Bari di NTT Data Italia e si inserisce nel vasto programma di investimenti previsti dall’azienda, con  l’obiettivo di far diventare il capoluogo pugliese un polo innovativo all’interno del gruppo giapponese, favorendo al contempo la creazione di nuovi posti di lavoro (fino a 150 assunzioni nel primo anno).

Gli ambiti principali della collaborazione saranno: Cloud Native Technology, Cybersecurity, Data Intelligence e Intelligence Automation, IoT, Blockchain, HyperAutomation, Opensource, Integration Platform, Customer Relationship management, Digital Supply Chain e Enterprise Resource Planning.

Tale collaborazione sarà sostenuta anche attraverso l’attribuzione di tesi di laurea, borse di studio. Sono previste iniziative di sperimentazione e casi pilota, incluse commesse di ricerca, la partecipazione congiunta a programmi di ricerca nazionali e/o internazionali.

NTT Data si renderà disponibile per attività quali: svolgimento di tirocini a favore di studenti e/o neolaureati dell’Ateneo; l’organizzazione di visite e stage didattici indirizzati agli studenti; l’organizzazione di conferenze e seminari; lo svolgimento di corsi post-lauream d’interesse della Società erogati dall’Ateneo presso la sede decentrata di NTT Data Italia S.p.A. Il finanziamento di assegni di ricerca per corsi di dottorato di ricerca erogati dall’Ateneo su temi concordati.

“Il Politecnico di Bari – ha detto il Rettore, Francesco Cupertino – investe già da anni nella digitalizzazione e nel settore IT. L’accordo con NTT DATA rappresenta dunque per noi la naturale prosecuzione operativa di questo percorso che abbiamo intenzione di rafforzare e valorizzare nei prossimi anni ulteriormente con una molteplicità di iniziative dedicate al territorio e agli studenti. Dal nuovo corso di Laurea Magistrale in Ingegneria della Trasformazione Digitale all’aumento dei posti disponibili per i corsi di Ingegneria Informatica. Il rapporto con NTT Data sicuramente favorirà studenti, laureandi e dottorandi del nostro ateneo attraverso le opportunità che un settore, in continua evoluzione, metterà a disposizione. Fabbricare relazioni e competenze scientifiche di qualità e riconosciute è fondamentale per realizzare un Politecnico sempre più attrattore per le aziende internazionali e locali e per i potenziali futuri nostri studenti”.

Sull’altro fronte Luca Isetta, Chief Operating Officer di NTT DATA. “In NTT DATA crediamo fortemente nella forza delle sinergie tra pubblico e privato, ma soprattutto crediamo nel Sud che già in altre occasioni ci ha dimostrato quanto abbia ecosistemi sani e potenzialità che il digitale può mettere a terra. Per noi – ha continuato –  investire nel Sud significa tante cose: vuol dire assumere, creare opportunità di lavoro sul territorio e soprattutto supportare i protagonisti del tessuto socioeconomico e formativo, in primis le Università, nella loro attività di formazione. Solo investendo sul capitale umano locale è possibile valorizzare i talenti e le molteplici realtà virtuose che esistono al Sud attivando quelle spirali sinergiche tra opportunità, lavoro e crescita che consentono di rafforzare lo sviluppo del territorio e supportare la trasformazione del nostro Paese”.

L’accordo prevede che le varie attività saranno di volta in volta definite mediante la sottoscrizione di appositi accordi attuativi. Responsabili scientifici della convenzione sono il prof. Michele Ruta per il Politecnico di Bari;  il dott. ing. Stefano Veltri per NTT Data Italia.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui