lapugliativaccina.regione.puglia.it
aqp-sa-di-futuro

Proseguono le trattative per la vertenza Baritech, azienda della zona industriale di Bari-Modugno, ex Osram-Ledvance. Nella giornata di oggi, presso la Presidenza si è tenuto il tavolo per continuare a discutere sulla delicata situazione che coinvolge ad oggi oltre 100 lavoratori che ha aperto uno spiraglio, l’azienda si sarebbe infatti resa disponibile a retrocedere dal preliminare di vendita che non avrebbe salvaguardato i lavoratori.

Il tavolo, che si è tenuto in concomitanza con un presidio dei lavoratori, è stato presieduto da Leo Caroli, presidente della Task force regionale per l’occupazione (comitato Sepac) e dal vice capo di Gabinetto del Presidente della Regione Puglia, Domenico De Santis. Sono intervenuti, oltre ai rappresentanti sindacali confederali, di categoria e aziendali, i rappresentanti dei Comuni del territorio tra i quali il vicesindaco di Bari Eugenio Di Sciascio,  i sindaci di Modugno, Mola, Giovinazzo, Grumo Appula e Palo del Colle, il delegato della Prefettura di Bari, dott. Montanaro, l’on. Marco Lacarra e il rappresentante della Baritech, dott. Cipriani. Il presidente Emiliano è inoltre sempre in contatto con la Task force per seguire l’evoluzione delle trattative.

Nel corso della riunione è stato fatto il punto sulle trattative, che vedono ad oggi un precontratto per la vendita del solo edificio e del terreno dello stabilimento a un soggetto terzo, e non l’acquisto della società che consentirebbe la tutela occupazionale. “La situazione rimane molto complessa – ha dichiarato Leo Caroli – abbiamo pochissimo tempo a disposizione per mettere in sicurezza i lavoratori, con una nuova cassa integrazione per il patto di transizione occupazionale mentre c’è un vero negoziato con un imprenditore o un gruppo di imprese realmente intenzionate a realizzare una nuova industrializzazione per svolgere nuove attività produttive con quei 116 lavoratori. Il compratore dell’immobile ha dato la sua disponibilità a fare un passo indietro rispetto a un precontratto che ha già in tasca, perché privilegia la necessità dei lavoratori di trovare nuova occupazione, inoltre questo imprenditore non è nelle condizioni di assicurare a tutti i 116 lavoratori la certezza occupazionale. Di conseguenza, fa un passo indietro, purché tutto avvenga entro il 31 dicembre. Baritech dal canto suo si è resa disponibile a fare altrettanto, con un passo indietro rispetto a questo preaccordo di vendita. Purché non ci rimetta rispetto a quanto pattuito, per favorire l’acquisizione di proposte serie, con offerte vincolanti e che mirino alla ricollocazione dei lavoratori entro la fine dell’anno. Al momento c’è una proposta da parte di un consorzio, ce n’è una seconda formalizzata che è ancora riservata per un importante investimento industriale” – ha concluso.

“I sindacati – ha detto invece il vide capo di Gabinetto, Domenico De Santis – si sono subito mobilitati richiamando l’attenzione dell’opinione pubblica, delle istituzioni, delle imprese, dei cittadini. Si sono quindi aperti nuovi contatti,  altri se ne stanno aprendo in queste ore, e la Regione Puglia è al lavoro per approfondirli e per affiancare chi voglia far crescere progetti di impresa che tutelino questo grande patrimonio di professionalità.Siamo fiduciosi che da questo lavoro sinergico che la Puglia sta portando avanti possa alla fine venir fuori la soluzione per riportare lo stabilimento in produzione e ridare occupazione a 116 lavoratori” – ha concluso.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui