lapugliativaccina.regione.puglia.it
aqp-sa-di-futuro

Il numero di spermatozoi degli uomini in tutto il mondo è diminuito di oltre il 50% negli ultimi 50 anni, secondo un nuovo studio condotto da ricercatori della Hebrew University. Inoltre, lo studio peer-reviewed, condotto dal Prof. Hagi Levin della Hebrew University School of Public Health di e Hadassah Medical Center di Gerusalemme e pubblicato martedì sulla rivista scientifica Human Reproduction, ha rilevato che il tasso di diminuzione è aumentato nel 21° secolo.

Il nuovo studio, che mira a esaminare le tendenze del numero di spermatozoi tra gli uomini in ogni continente, fa seguito a uno studio precedente che ha rilevato un calo del 50% del numero di spermatozoi negli uomini del Nord America, Europa e Australia tra il 1973 e il 2011. Nonostante lo studio precedente, tuttavia, i ricercatori hanno notato che “sono stati pubblicati troppo pochi studi in Sud/Centro America, Asia e Africa (di seguito SAA) per trarre una conclusione sulle tendenze in quei continenti”. Nell’ultimo studio, i ricercatori hanno modificato il database che veniva utilizzato in modo da poter vedere se le stesse tendenze si stavano verificando negli uomini in Africa, America Latina e Asia, compreso Israele.

Il conteggio degli spermatozoi è un indicatore non solo della fertilità di un uomo, ma forse anche della sua salute, ha osservato l’Università Ebraica. Ad esempio, un basso numero di spermatozoi può indicare un aumento del rischio di morbilità. Il nuovo studio ha rappresentato oltre 10.000 articoli scientifici che hanno esaminato la qualità dello sperma tra il 1973 e il 2018. Dopo un processo di selezione, i ricercatori hanno utilizzato i dati di 223 studi in 53 paesi nello studio, quindi hanno esaminato le tendenze della qualità dello sperma durante questo intervallo di tempo, così come dopo l’anno 2000. “Qui, riportiamo le tendenze globali in SC [conta spermatica] e TSC [conta totale spermatozoi] nelle pubblicazioni dal 1981 al 2019, che combina i risultati di ricerche e analisi”, hanno affermato i ricercatori.

“Questa analisi ampliata risponde a due domande importanti. Con l’aumento delle dimensioni del campione, è stata osservata una tendenza in Sud America, Africa e Asia? Le tendenze che abbiamo riportato sono continuate dopo il 2011?”I risultati hanno indicato una diminuzione di circa il 50% del numero di spermatozoi e del numero totale di spermatozoi tra il 1973 e il 2018. La ricerca ha anche scoperto che la concentrazione di spermatozoi era diminuita del 52% tra la popolazione globale generale e che il numero totale di spermatozoi era diminuito del 62% durante l’intero studio. Inoltre, la diminuzione più significativa si è verificata negli uomini del Nord America, dell’Europa e dell’Australia, ma una diminuzione si è verificata anche negli uomini dell’Asia, dell’Africa e dell’America Latina.

Inoltre, quando i ricercatori hanno confrontato i dati prima e dopo il 2000, hanno scoperto che il calo del numero di spermatozoi aumenta nel tempo. Sebbene il nuovo studio non abbia esaminato le cause del declino, la ricerca precedente, ha indicato un legame con le condizioni ambientali e lo stile di vita. “Poiché stiamo assistendo a un declino della qualità dello sperma che sta peggiorando nel corso degli anni, è quasi certo che il mondo che cambia intorno a noi ha un effetto su questo”, ha osservato Levin. “I principali sospetti sono il riscaldamento globale e l’inquinamento atmosferico, ma anche l’esposizione a sostanze chimiche e il fumo prima della nascita, e l’esposizione a pesticidi, fumo, stress mentale e cattiva alimentazione nella vita adulta”.

“Alla luce della grande importanza del conteggio degli spermatozoi per la fertilità maschile e la salute umana, questo studio è un campanello d’allarme per ricercatori, responsabili politici, autorità sanitarie e pubblico in tutto il mondo, che richiede considerazione e azioni per correggere la situazione attuale”, ha aggiunto Levin. “Le ragioni della forte e continua diminuzione del numero di spermatozoi devono essere indagate in modo da poter prevenire un ulteriore deterioramento negli anni a venire. Potremmo aver raggiunto un momento in cui dovremo offrire la possibilità di preservare lo sperma di qualità mediante il congelamento tra i giovani uomini, al fine di garantire la fertilità anche in futuro, proprio come il congelamento delle uova”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui