lapugliativaccina.regione.puglia.it
aqp-sa-di-futuro

L’Università degli Studi di Bari di Bari Aldo Moro è salita sul podio del concorso nazionale “Premio Invitalia per l’imprenditorialità”, promosso in collaborazione con l’Accademia italiana di Economia Aziendale-AIDEA.

L’idea vincente, che si è aggiudicata il secondo posto, si chiama “ L’ECOzze &co”, progetto sviluppato da tre studenti (Donatella Alessia Lopopolo, Rosito Claudio e Maria Elena Buompane ) del Corso di  Laurea Magistrale in “Innovazione, Governance e Sostenibilità” afferente al Dipartimento di Economia, Management e Diritto dell’Impresa (DEMDI) di Uniba.

Il progetto si basa sui principi della Circular economy e permette il riciclaggio di una risorsa non biodegradabile presente in gran quantità nel nostro territorio, i gusci di mitili. Un progetto che si è dimostrato valido ed innovativo tanto da superare le prime due fasi del concorso, che vedevano coinvolte 167 squadre provenienti da 26 atenei italiani.

La fine della sfida ha visto la premiazione dei 5 finalisti presso l’Università Lumsa a Roma, dove il team barese ha conquistato la possibilità di partecipare ad un Experience Tour presso un incubatore/acceleratore nazionale di startup e di accedere ai servizi di accompagnamento alle richieste di finanziamento offerti da Invitalia.

Questa non è la fine ma solo l’inizio, infatti il team punta all’implementazione dell’idea grazie al preziosissimo aiuto delle risorse della nostra Università, in particolar modo il Prof. Matteo Palmaccio (cattedra di Economia Aziendale-DEMDI), che ha portato questa iniziativa all’interno delle aule, stimolando interesse e creando nuove competenze; il Prof. Carlo Ingrao (Cattedra di Merceologia-DEMDI) che ha seguito i ragazzi sin dagli albori dell’idea e il Dipartimento di Chimica, grazie all’ aiuto della Prof.ssa Lorena Giannossa.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui