lapugliativaccina.regione.puglia.it

A partire da domani, giovedì 26 gennaio, dopo il successo di “Sulla mia pelle”, arriva nelle sale “Profeti”, il nuovo film del regista Alessio Cremonini. Si tratta di un film di finzione sul rapimento di una giornalista nel Medio Oriente e sulla sua lunga prigionia. Protagonista della vicenda è l’attrice Jasmine Trinca, che torna a lavorare con Alessio Cremonini dopo aver interpretato il ruolo di Ilaria Cucchi proprio nel film precedente di Cremonini, “Sulla mia pelle”. A Completare il cast: Isabella Nefar e Ziad Bakri.

“Profeti”, quindi, è la storia del confronto e scontro fra Sara, una giornalista italiana rapita dall’Isis durante un reportage di guerra in Siria, e Nur, giovane foreign fighter moglie di un miliziano del Califfato che la tiene prigioniera nella sua casa costruita in un campo di addestramento. Durante i mesi di detenzione Nur, mossa dal desiderio di proselitismo, e seguendo gli ordini del leader del campo, tenta di convertire Sara e di farla aderire all’estremismo islamista.

Ancora una volta la Puglia, ha ospitato la produzione di un film la cui vicenda è ambientata in un luogo diverso dal territorio pugliese, in questo caso in Medio Oriente. A conferma che la Regione è in grado di soddisfare qualsiasi ambientazione cinematografica, grazie soprattutto all’unicità e alla varietà del suo territorio intriso di arte, storia e natura. Girato in Puglia in sei settimane tra aprile e maggio 2021 (Palo del Colle, Bitonto, Gravina in Puglia e Altamura), “Profeti” è prodotto da Cinemaundici e Lucky Red con Rai Cinema e in collaborazione con Sky Cinema, ed è stato realizzato con il contributo di Apulia Film Fund di Apulia Film Commission e Regione Puglia a valere su risorse del POR Puglia FESR-FSE 2014/2020. Per la realizzazione della serie sono state impegnate 39 unità lavorative pugliesi.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui