Daredevil: Padre – Recensione

1118

Cabtutela.it
acipocket.it

Sul personaggio di Daredevil si stanno accumulando attenzione e apprezzamento per via della serie TV firmata Netflix che ne ripercorre le avventure. Se siete intenzionati a percorrere questa china (perdonate il gioco di parole) e ad approfondire le sue storie (o a scoprirle per la prima volta), non fatevi sfuggire la miniserie di Joe Quesada, dedicata al vigilante di Hell’s Kitchen.\r\n\r\nDaredevil: Padre un’opera a sé stante in sei capitoli godibile da fan e neofiti dei fumetti, che spazia dal passato al presente di Daredevil/Matt Murdock. Daredevil: Padre è un racconto di formazione spietato con un intreccio torbido.\r\n\r\nIn un susseguirsi di flashback dolorosi, ci viene presentato l’incidente radioattivo che rende cieco il giovane Matt e gli conferisce i suoi superpoteri. I ricordi, poi, danno forma ad un quadro oscuro dell’infanzia di Matt, spaccata in due dall’impegno verso lo studio e la violenza di quartiere che lo circonda. Al centro di questi due mondi c’è suo padre, l’ex pugile “Battlin’” Jack Murdock, figura controversa che ama il figlio con tutte le sue forze ma che si guadagna da vivere agitando i pugni per il crimine organizzato.\r\n\r\nA volte, Daredevil indulge nel ricordo del padre fino a che il suo profilo si confonde con quello di “Battlin’” Jack. Daredevil: Padre è un tuffo nella notte buia e infernale, un tuffo nella mente tormentata del suo protagonista. Un’oscurità, questa, sottolineata dalle campiture fiammeggianti e sanguigne di Richard Ivanove in cui è facile perdersi in ammirazione. Un’oscurità in cui Daredevil stesso si perde e divide. Straziato dai tormenti interiori l’eroe è, infatti, un vigilante incattivito di notte e un avvocato caritatevole di giorno. L’equilibrio mentale, come il confine tra bene e male, in Daredevil è sottilissimo, incoerente.\r\n\r\nIn prefazione, lo sceneggiatore di Hollywood, Damon Lindelof, dice del personaggio di Daredevil che non ha mai avuto paura di lui. Questo fino a quando non ha visto quello disegnato da Quesada. Ogni cosa, dalle vicende all’atmosfera del fumetto gli danno ragione; il dramma di Matt è un “coming-of-age” spaventosamente drammatico: nell’afoso e brulicante quartiere di New York, Hell’s Kitchen, un Daredevil adulto dà la caccia ad un serial killer. Il caso vuole che l’assassino accechi le sue vittime in una specie di sadico rituale. Il caso vuole che il maggior sospettato dei delitti abbia un collegamento con suo padre. L’oscurità, la cecità, la violenza, il legame col padre vengono a galla ripetutamente come temi che si inseguono in un circolo vizioso mai sazio di esigere il suo tributo di sangue da Matt.\r\n\r\nIl risultato finale è un mix ben riuscito, di cui il suo autore è il principale artefice. L’ispirazione e la libertà editoriale nel lavoro di Quesada è, infatti, totale nel suo essere radicale e senza remore; sostanzialmente brutto sporco e cattivo. L’editor-In-Chief di Marvel, qui scrittore e disegnatore d’eccezione, si destreggia in quest’opera difficile con straordinaria profondità di scrittura, di caratterizzazione del personaggio e un’acutissima punta di dramma. Infine, perverso è il compiacimento del lettore nel leggere il volume crudo di Quesada; questo fatto, da solo, lo rende una lettura imperdibile.

Image Gallery

\r\n

[table sort=”desc”]\r\nTitolo,Daredevil: Padre\r\nEditore,Panini Comics\r\nTesti,Joe Quesada\r\nDisegni,Joe Quesada\r\nColori,Richard Isanove\r\nFormato,17×26, C., 200 pp., col.\r\nPrezzo,€ 18.00\r\nData di Uscita,gennaio 2016\r\n[/table]

\r\n

ULTIME RECENSIONI

Elliot: il nuovo supereroe che viene dal web

Torniamo sempre molto volentieri a parlare di Wilder, la piattaforma online dove - settimana dopo settimana - i lettori possono leggere gratuitamente capitoli sempre nuovi di webcomic...

Killer, supereroi e citazioni: il mondo di Stefano Labbia

Un assassino prezzolato, un eroe in grado di far materializzare qualsiasi cosa gli viene in mente. Ecco Kimberly e Kremisi, i due massimi rappresentanti degli...

Torna a Terlizzi il Chiù, Festival di illustrazione e dintorni

Dal 29 luglio al 4 agosto torna il CHIU' - Festival di illustrazione e dintorni al MAT Laboratorio Urbano di Terlizzi, realizzato con le...

Torna a Terlizzi il Chiù: tra gli ospiti, Ratigher e Davide Toffolo

Laboratori, mostre, teatro, concerti e tanti ospiti del mondo del fumetto e dell'illustrazione: torna per il terzo anno consecutivo il Chiù, festival di illustrazione...

“Frantumi” di Masi e Petruccioli: quando il fumetto diventa poesia

Si dice che quello che non ti distrugge ti rende più forte. Ma se ogni perdita ci riduce a pezzi, c'è chi – per...

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui