BARI – Entro il 12 aprile i migranti dell’ex Set saranno trasferiti per sei mesi in una struttura di Palese, in via Pizzillo. Lo ha disposto con un’ordinanza il sindaco Antonio Decaro.

\r\n

La decisione è stata presa in seguito ad una serie di sopralluoghi tecnici. Primo tra tutti quello dell’Amiu: l’azienda di igiene urbana ha rilevato la necessità di procedere alla sanificazione degli ambienti, alla pulizia esterna delle tende per ripristinare le condizioni igienico sanitarie. Sopralluogo datato il 29 settembre.  Una parte dei migranti è stata già spostata a Villa Roth per poter consentire una serie di interventi. Nel frattempo il Comune ha emanato un avviso pubblico per cercare un centro di accoglienza notturna. A presentare domanda è stata l’associazione Help che ha proposto appunto l’immobile di Palese, in grado di ospitare 90 persone.  Il 4 febbraio i tecnici del settore Polizia giudiziaria, ecologia e tributi hanno evidenziato, in seguito ad un altro sopralluogo in via Brigata Regina, situazioni di pericolo per l’ordine e la sicurezza pubblica e di decoro urbano “determinate – si legge nell’ordinanza – dalla presenza dell’elevato numero di migranti presso l’immobile ex Set, anche in numero superiore a quello dei residenti dotati di regolare permesso di soggiorno, poiché l’immobile è utilizzabile quale base di appoggio negli spostamenti migratori o all’uscita dai percorsi di accoglienza; peraltro, le condizioni strutturali dell’immobile potrebbero rendere infruttuosi gli interventi manutentivi e/o di sanificazione”.

\r\n

Da qui la decisione di provvedere al trasferimento dei migranti entro il 12 aprile, per sei mesi, in attesa che si concludano le procedure di realizzazione del centro di accoglienza temporanea a largo Pacha, nella zona dello stadio Della Vittoria.  Sempre nell’ordinanza si chiede alla Multiservizi di smontare le tende e di riconsegnarle alla Protezione civile, all’Amiu di completare le operazioni di pulizia e sanificazione, compresa la rimozione di rifiuti ingombranti, alla ripartizione Lavori pubblici di occuparsi della  demolizione di manufatti edilizi e della sospensione dell’energia elettrica.

\r\n

Il trasferimento sarà effettuato su bus dell’Amtab, così come accaduto il 13 novembre di due anni fa quando i migranti furono spostati dall’ex convento di Santa Chiara all’ex Set. A controllare le operazioni pattuglie della polizia municipale che verificheranno anche le generalità dei migranti presenti.

\r\n

La storia

\r\n

I migranti furono trasferiti il 13 novembre del 2014 dall’ex convento di Santa Chiara all’ex Set, con la promessa che dovevano rimanere 45 giorni. Così non è stato. Da allora è passato un anno e mezzo. Il Comune ha poi individuato una nuova zona dove allestire un campo di accoglienza con dei container. Ma proprio in questa area, o meglio nel suolo adiacente, il centrodestra ha denunciato l’esistenza di una discarica a cielo aperto con la presenza di rifiuti in amianto. Il Comune ha quindi emesso un’ordinanza per obbligare i privati a ripulire. Nel frattempo bisognava trovare un’alternativa: il centro di accoglienza a Palese.

\r\n \r\n\r\n 

Bif&st 2019 Bari
© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here