Cabtutela.it

BARI – Si è svolta il 4 aprile, terza giornata di Bif&st, la presentazione del collettivo di attori Artisti 7607. Maestra di cerimonie l’attrice Cinzia Mascoli (Valeriana in Viaggi di nozze di Carlo Verdone), presidentessa del collettivo e da anni in prima linea nella difesa dei diritti degli artisti. La presentazione, svolta nel Teatro Margherita, è stata dedicata al delicato ruolo del collettivo nella promozione del diritto d’autore a favore dell’attore e alla possibilità data all’interprete di una gestione trasparente della propria immagine.

\r\n

Insieme alla Mascoli, la giovane attrice Anna Elena Pepe che ha presentato l’associazione N.I.A.L. (Native Italian Actors in London), che si occupa di raccogliere, tutelare e certificare le competenze degli attori italiani a Londra, un ambiente che esige sempre di più l’eccellenza degli artisti nostrani e delle loro performance in lingua inglese. Prezioso il contributo di Neri Marcoré, uno dei volti di Artisti 7607, che ha dichiarato:

\r\n

“L’associazione nasce spontaneamente perché ci siamo informati sui diritti legati a artisti, interpreti e esecutori. Come la SIAE tutela i diritti d’autore, allo stesso modo vogliamo che chi ci mette la faccia, come le attrici e gli attori,abbia diritto ad un compenso ogni volta che un’emittente televisiva trasmette un loro film. Questo è un diritto riconosciuto dall’Europa dal 7 giugno 2007 e noi, forti di questa legge, abbiamo iniziato ad interessarci e abbiamo visto che ci sono tante mancanze di trasparenza. Il collettivo ha il compito di riparare a queste mancanze e di sopperire all’inadempienza dell’Istituto IMAIE che, negli anni, ha dovuto chiudere proprio per la sua incapacità di provvedere a tali diritti”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui