Cabtutela.it
acipocket.it

La sfida-verità con il Cagliari ha confermato pregi e difetti del Bari di Camplone. Tanta buona volontà ma senza la creatività di Rosina (o Sansone) l’impianto di gioco non è in grado di piegare formazioni d’alto profilo come i sardi. La classifica dei pugliesi, al di sotto delle aspettative, è la misura del valore di questa squadra, che dovrà ancora sudare per conquistare il miglior piazzamento possibile nei play off. Il terzo posto è ormai una chimera. I sardi, promossi al San Nicola, dimostrano forza e cinismo, qualità imprescindibili per aspirare al salto diretto in A.

\r\n

La chiave tattica. Prevale il cinismo da grande squadra del Cagliari

\r\n

Negli scontro diretti conta chi ha più capacità di sfruttare gli errori avversari. Il Cagliari ha massimizzato le leggerezze di Defendi e Lazzari, avvertendo tutti i propositi di Camplone, che alla vigilia ipotizzava un Bari dominatore della gara. La maggiore brillantezza del fronte offensivo cagliaritano, composto da veri cecchini, ha fatto la differenza. Tra i pugliesi Rosina si è svegliato troppo tardi, mentre De Luca ha giocato a sprazzi (pur colpendo un palo). Maniero, prima di infortunarsi non è stato mai servito in maniera adeguata. E se Micai non avesse fatto una prodezza nel finale, il punteggio poteva essere anche un pesantissimo poker.

\r\n

Punto di forza. Resta il carattere ma non basta per riequilibrare

\r\n

I pugliesi, sotto di due gol, non hanno mai mollato, nonostante l’infortunio di Maniero – distorsione alla caviglia destra con dolore al perone – hanno attaccato con intensità e coraggio, trovando però tra i pali dei sardi un ispirato Storari. L’ingresso di Dezi ha velocizzato la manovra, ma non è bastata l’energia dell’ex Crotone per ribaltare una situazione compromessa.

\r\n

Punto debole. Ingenuità ed errori costano caro

\r\n

La rimessa surreale di Defendi e il posizionato folle nell’azione d’attacco del raddoppio sono la fotografia di ingenuità ed errori difficilmente recuperabili contro una formazione che ha determinazione e qualità come il Cagliari. Il nervosismo finale, con qualche cartellino di troppo, è un bel campanello d’allarme sulla tenuta mentale del gruppo. Camplone è avvisato (e bisognerà anche verificare i tempi dir recupero di Maniero)

\r\n

La curiosità. In Tribuna vip non c’è il malese ma la coppia Latorre-Cassano

\r\n

Era atteso a Bari con un pool di investitori asiatici e invece è rimasto in Malesia l’imprenditore Noordin Ahmad. Assente anche l’avvocato Grazia Iannarelli (al San Nicola con cuore e foto sui social). Presente invece la coppia di politici di governo formata dal sottosegretario alsaziano Massimo Cassano e dal senatore Nicola Latorre, presidente della Commissione Difesa.

\r\n

@waldganger2000


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui