chiaro
scuro
GIOVEDì, 08 GIUGNO 2023
65,130 ARTICOLI
Dir. resp.:Samantha Dell'Edera
redazione@borderline24.com

Per segnalazioni: +39 375 5535222
65,130 ARTICOLI

Direttore Responsabile: Samantha Dell'Edera
Per segnalazioni:
Cell. +39 375 5535222
Email: redazione@borderline24.com

I due mondi diversi della Generation One di Ainé

Pubblicato da: Giuseppe Fraccalvieri | Mer, 22 Marzo 2023 - 09:29

È un esordio impreziosito da collaborazioni di rilievo, quello del giovane Ainé. Generation One può infatti vantare la presenza di nomi del calibro di Sergio Cammariere, Ghemon, Gemello, Davide Shorty, o della giovane bassista statunitense Alissia Benveniste e di Kyle Miles.

Sarebbe tuttavia riduttivo fermarsi a questo: Generation One è un disco nel quale convivono le due anime di Ainé, la cui formazione è avvenuta tra Italia e Stati Uniti. Sonorità americane si mescolano quindi a una sensibilità nostrana, in un mix ben amalgamato nel quale è possibile cogliere hip hop, soul e RnB. Il lavoro sta pure registrando parecchi passaggi sulle radio italiane.

Negli ultimi anni nel nostro Paese sono emersi diversi musicisti che hanno composto i loro brani in due lingue. Quali differenze ha trovato Ainé tra il comporre e cantare in Italiano e in Inglese?

Da quando scrivo e canto la mia musica non trovo troppa differenza o meglio, questa c’è, ma sono due mondi diversi: è come se avessi due facce, due mondi diversi, il giorno e la notte. A volte mi sento come Spider Man [Sorride].

Di Ainé si coglie subito la dimensione internazionale. Dove si può trovare in particolare quella italiana, invece?

Metà dei brani sono in italiano, metà del team di lavoro è composto da italiani. C’è molto di dimensione Italiana.

Quali sono le influenze maggiori per Generation One?

Tra gli autori che quest’anno più mi hanno influenzato ci sono Kendrick Lamar, Anderson Paak, Nick Hackim, Bilal, The internet, Gizmo, Lihanne la Havas, e Thundercat, Big Yuki.

Quale sarebbe la Generation One?

Generation One sono le radici, il futuro, la freschezza, la novità, il nuovo, il diverso, noi [Ride].

Quali sensazioni, quali messaggi vorrebbe che si percepissero da questo album?

Il cambiamento, la voglia di arrivare, la passione, l’amore per la musica e per l’arte, la voglia di creare un movimento diverso e contemporaneo, di dare voce a chi non ce l’ha.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24.com
Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

A Casamassima il maxischermo per la...

A Casamassima arriva il maxischermo per la finale dell'11 giugno tra...
- 8 Giugno 2023

Liste di attesa in Puglia, regione...

“Unendo i dati di tutte le classi di priorità (urgente, breve,...
- 8 Giugno 2023

Bari, stampe artistiche all’Ospedaletto donate dai...

Questa mattina, all’ospedale “Giovanni XXIII” di Bari, è stata inaugurata l’installazione...
- 8 Giugno 2023

Più treni per le mete dell’estate...

Con l’entrata in vigore dell’orario ferroviario estivo si inaugura, l’11 giugno,...
- 8 Giugno 2023