Cabtutela.it
acipocket.it
ferrovieappulolucane.it

Nuova puntata della rubrica di Vito Raimondo “Ma sì, diciamola tutta…”

\r\n

Il fallimento del progetto – Paparesta nel paese di Machiavelli, ma anche di Pulcinella!

\r\n\r\n\r\n

Paparesta
Gianluca Paparesta
\r\n

L’Italia, si sa, è la patria di Machiavelli, ma anche di Pulcinella. Per quel che si è visto, a Bari nella  invereconda vicenda del calcio barese, siamo ( in pieno) nella seconda situazione. Quei 25-30 mila mammalucchi che allo stadio e in Tv si sono entusiasmati per l’arrivo di un tizio chiamato Datò hanno capito che si è trattato di un travestimento.  Quel (ridicolo) personaggio (con relativa pacchiana maga al seguito) fatto ricevere in pompa magna dal Presidente delle Regione e dal Sindaco (ahi!) è stato messo lì da qualcuno (Lotito o la Infront, sponsor di Paparesta?) in attesa delle promozione in serie A che avrebbe fruttato un bonus di 25-30 miliardi da parte della Lega, utili per cancellare il deficit di bilancio e fare una campagna acquisti decente.

\r\n

Svaniti i danè, il castello di carta si è dissolto e Paparesta è rimasto solo con il suo egotismo e il suo smodato protagonismo, circondato da 7-8 giocatori che non conteranno nulla anche in futuro poiché allestire una squadra competitiva non è affar suo. Lo si è capito in abbondanza. Lo stesso discorso, più o me no, vale per il signor Giancaspro il quale, però, dalla sua, almeno, ha un gruzzoletto di quattrini disponibili.

\r\n

Il restyling di via Sparano non serve ad incrementare gli affari dei negozianti

\r\n\r\n\r\n

Viasparanonove
Via Sparano
\r\n

Via Sparano. Non interessa a me e a molte altri  se su quella strada debbano rimanere le palme o se, invece, è il caso di rimuoverle e sostituirle con blocchi di cimento ( o simile) che dovrebbero ospitare opere d’arte. Magari a benefici di efficientissimi vandali…

\r\n

Parliamoci chiaro: il problema di quella via è, soprattutto, l’immondizia che la occupa  da piazza Moro a Corso Vittorio Emanuele, a macchia di leopardo.  Ergo, il Sindaco lanci un piano per rimuovere (costantemente) i rifiuti – ripetutamente fotografati  e pubblicati dai giornali- utilizzando i quattrini destinati ad un restyling che non serve ad incrementare gli affari (depressi) dei negozianti, ma solo a riempire di vanagloria non so chi! O lo so…

\r\n

La Puglia invasa da latte estero. Punti sui prodotti a chilometro zero

\r\n\r\n\r\n

Mozzarella
Cibi Pericolosi Mozzarella
\r\n

La Puglia è invasa da latte estero e gli allevatori abbandonano le aziende. Come uscirne? Lo prospetta Giovanna Melcarne (“Lattoria” di Gagliano del Capo):” I consumatori evitino di ingrossare la Grande Distribuzione e acquistino i prodotti a chilometro zero”.

\r\n

Insomma, diciamo basta alle esasperate politiche basate sulle economie di scala e, quindi, alle produzioni massive che omogeneizzano le specialità lattiero casearie e avviamo un cultura di prezzi giusti (oculati) per i prodotti di vicinato che assicurano freschezza e qualità. E se costano qualche centesimo in più di quelli industriali non ci facciamo caso! Intanto, si profila all’orizzonte l’introduzione dell’accordo intercontinentale (Usa-Ue) di libero scambio Ttip ovvero la fine dei prodotti tipici.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui