Cabtutela.it
acipocket.it

Il Bari inizia la nuova avventura stagionale con una sconfitta. Bruciante perché ha messo in evidenza i limiti del cantiere di Stellone, al cospetto di un Cittadella non stratosferico ma solo ordinato e puntuale nelle ripartenze.\r\n\r\nI pugliesi pagano il momento di black-out ad inizio ripresa, con i due centrali in trance e il filtro a centrocampo saltato senza difficoltà da Chiaretti e compagni. Le reti di Pascali e Litteri sono il risultato di una retroguardia poco protetta e di errori madornali in marcatura. La fiammata con gli ingressi di Ivan e De Luca dura poco. Il rigore di Maniero illude i sedicimila del San Nicola, perché il Bari non mostra mai di avere la forza di mettere nell’angolo i veneti. L’espulsione di Romizi taglia le gambe alla squadra. I fischi finali dello stadio completano una prima giornata da dimenticare in fretta.\r\n\r\nLa chiave tattica: reparti slegati e attacco poco pungente\r\n\r\nNel Bari attuale manca chi cuce le distanze tra i reparti. Gli esterni sono stati troppo larghi, a volte estranei al gioco. Le punte non si riconoscono nel gioco corale. La difesa balla, distratta sugli inserimenti e lenta nelle chiusure. Allora basta l’organizzazione del Cittadella, con un pressing molto efficace, a mandare in fumo i piani di Stellone. Maniero è apparso troppo spesso in ritardo: è il bomber della squadra, deve subito ritrovare lo smalto perduto.\r\n\r\nPunto di forza: tanta qualità (in panchina)\r\n\r\nDe Luca e Ivan sono innesti di qualità. Hanno cambiato per un quarto d’ora il volto del Bari, dando brio alle folate offensive. In attesa della crescita di Martinho e Furlan, bisogna accontentarsi dell’ottimo esordio dello slovacco e della rabbia agonistica di De Luca. Nel 4-4-2, se non galoppano i cursori laterali, tutto diventa prevedibile.\r\n\r\nPunto debole: i nuovi non hanno ancora ritmo-partita\r\n\r\nStellone ha lavorato in ritiro senza Basha, Furlan e Ivan. Privo quindi del regista e di  due esterni in grado di dare al collettivo i necessari cambi di ritmo. Ora gli ultimi arrivati dovranno imparare in fretta il credo dell’allenatore. Insomma il Bari ha bisogno di tempo per affermare la propria identità. O meglio. Per essere “squadra” capace di calarsi nella temperie della serie B.\r\n\r\nLa curiosità: meno spettatori della prima dello scorso anno, quasi gli stessi abbonati\r\n\r\nIl pubblico del Bari è esigente e scottato. Gli appassionati hanno fatto l’abbonamento. I tiepidi aspettano per sondare il clima e magari farsi sedurre da un colpo finale di mercato. Al San Nicola per l’esordio con i veneti gli spettatori sono stati 16228, con 7372 paganti e 8856 abbonati. Nello scorso torneo gli abbonati erano poche centinaia in più (9510), mentre i paganti furono molti di più (12280), per un totale di 21790.\r\n\r\n@waldganger2000


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui