Cabtutela.it
acipocket.it
agricoladiniso.it

“Un’ora di ritardo e persone anche nel bagno”. Una foto emblematica quella postata questa mattina sul gruppo dedicato ai viaggiatori delle Ferrovie sud est. Nonostante l’annuncio da parte dell’azienda che la situazione sarebbe tornata alla normalità a partire da lunedì 12 settembre, per molti pendolari raggiungere il posto di lavoro non è stato semplice. Montano le polemiche.\r\n\r\n”Passaggio a livello via Mola chiuso per 10 a Rutigliano. Alle 7e39 ero imbottigliata in un ingorgo assurdo. Passaggio a livello riaperto alle 7e48. La notizia, appena arrivata in stazione, è che il treno delle 7e41 per Bari che ero certa di aver perso, in realtà non era mai arrivato…Buongiorno!\r\nPerché per chi come me non ha la possibilità di andare a Bari con la macchina è davvero un problema serio e gravissimo!”, scrive un utente.\r\n\r\nE ancora: “Treno delle 8.40 da Sammichele a Bari soppresso….”buon” inizio…di settimana”.\r\n\r\n”Treno delle 07.34 per Bari via conversano viaggia con 20 minuti di ritardo…iniziamo bene!!! Ps il treno per Bari via casamassima è sempre la carretta vecchia di sempre, solo con meno vagoni”.\r\n\r\nI disagi per i pendolari sono iniziati giovedì scorso quando i convogli – gli Atr 220 – sono stati bloccati in un deposito per ordine dell’Ustif, l’ufficio ministeriale deputato alla sicurezza sui binari che – dopo una ispezione – ha obbligato l’azienda a fermare tutti i convogli che hanno ruote e carrelli usurati.\r\n\r\n”Lunedì ci potrebbero essere problemi di affollamento sui treni At 104 e At 106 da Martina Franca a Bari – annuncia sul suo sito l’azienda – in quanto non saremo in grado di garantire la doppia composizione di ATR, ma saranno comunque effettuati con ATR singoli”. La circolazione dei treni, in ogni caso, dovrebbe tornare a pieno regime a partire da mercoledì, “con il completamento delle verifiche e degli interventi in corso”.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui