Cabtutela.it
acipocket.it
agricoladiniso.it

“Non si può più andare avanti così! La situazione del trasporto pubblico in Puglia continua ad essere estremamente difficile, nonostante le rassicurazioni da parte di FSE che si sta lavorando per normalizzare il servizio.\r\n\r\nPrendere il treno in Puglia e soprattutto nel Salento sta diventando un’impresa da eroi. Corse saltate, mezzi vecchi, sporchi e fatiscenti che hanno macinato ormai quantità enormi di chilometri e la cui sicurezza è troppo spesso al limite. Uno stato, quello in cui sono costretti a viaggiare utenti e personale, a dir poco drammatico.\r\n\r\nNon si può più tollerare questa situazione: chi ogni giorno viaggia e usa i mezzi pubblici lo fa per esigenze primarie come quelle del lavoro, dell’istruzione, della salute e spesso non ha soluzioni alternative. Ogni corsa che salta, parte in ritardo o – peggio ancora –  viene soppressa crea un disagio insostenibile.\r\n\r\nNon si può più attendere oltre! È da tempo ormai che sollecitiamo le Ferrovie Sud-Est a risolvere i problemi e, pur comprendendo la necessità di rivedere l’organizzazione interna per rendere più efficiente l’azienda, vogliamo sottolineare ancora una volta come sia diritto dei cittadini avere un servizio di trasporto pubblico adeguato ed efficiente.\r\n\r\nServono pertanto risposte chiare e precise.\r\n\r\nMi auguro che si ponga fine alla politica delle promesse non mantenute e che tutti facciano la loro parte per ripristinare subito e rendere quanto più adeguato un servizio indispensabile per il nostro territorio, per i nostri cittadini.\r\n\r\nDal canto nostro continueremo a tenere ben aperte le orecchie davanti alle grida di protesta dei pugliesi e a vigilare affinché questa situazione – che oggi definirei indecente – sia risolta nel più breve tempo possibile e ai nostri concittadini siano garantiti i diritti più elementari”.\r\n\r\nErnesto Abaterusso, consigliere regionale del Pd


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui