Cabtutela.it

Nei giorni scorsi, a Bitonto, la Polizia di Stato ha arrestato Vincenzo Screti, classe 1984, affiliato al clan “Cassano-Dicataldo”, per il reato di detenzione di arma clandestina e ricettazione. L’uomo – già agli arresti domiciliari – accortosi dell’arrivo degli agenti, ha tentato di sottrarsi al controllo di polizia provando a chiudere repentinamente la porta d’ingresso della sua abitazione ma è stato bloccato. All’interno dell’abitazione erano presenti la convivente dell’arrestato ed il figlio minore che era seduto su un asciugamano poggiato su un letto; avvolta nell’asciugamano gli agenti hanno rinvenuto una pistola modello “Beretta”, calibro 7.65 rifornita con 5 cartucce.\r\nDurante la perquisizione, inoltre, sono state trovate tre dosi di cocaina. Per il 32enne si sono aperte le porte del carcere di Bari.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui