Cabtutela.it
acipocket.it

Dopo aver perso 4 aule, gli alunni della scuola elementare Gianni Rodari di Casamassima ora si ritrovano senza istituto. Il motivo è sempre lo stesso, le crepe sui soffitti della struttura, per cui lo scorso 10 novembre erano state dichiarate inagibili dai tecnici del Comune alcuni spazi dedicati alla didattica. “I lavori sul solaio – spiega il sindaco di Casamassima Vito Cessa – erano partiti regolarmente e speravamo di poterli portare a termine senza interrompere la didattica, ma le lamentele degli insegnanti riguardo la polvere e altri fastidi generati dagli interventi ci hanno obbligato a chiedere un trasferimento delle classi nella vicina scuola elementare Marconi”. Per i lavori sono stati disposti 900mila euro, con un piano di interventi corposi sulla struttura.\r\n\r\nPer gli alunni della Rodari non ci sarà quindi possibilità di tornare nel loro vecchio istituto prima della fine di gennaio, data in cui è prevista la fine dei lavori. L’ordinanza di trasferimento sarà valida da domani, 16 novembre, e predispone anche una settimana di stop alle lezioni per permettere alle famiglie di organizzarsi. Dall’ottavo giorno i ragazzi dovranno condividere gli spazi con gli alunni del Marconi. “Non c’era nessun pericolo per la sicurezza dei ragazzi – conclude Cessa -, ma comunque non erano stati mai effettuati interventi di manutenzione nell’istituto, che è lì da trent’anni. Speravamo di poter concludere gli interventi senza predisporre un trasferimento, ma non era possibile”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui