Cabtutela.it
aqp.it
ferrovieappulolucane.it

Il ‘blocco telefonico’ a cui era affidata la sicurezza sulla tratta ferroviaria Corato-Andria sulla quale, il 12 luglio scorso, ci fu lo scontro frontale tra due convogli di Ferrotramviaria che provocò 23 morti e 50 feriti, è fuorilegge. E’ quanto ha accertato finora la procura di Trani che ritiene che il ricorso al blocco telefonico sia in contrasto con la normativa in vigore.

\r\n

Dalle indagini finora svolte dal pool di magistrati tranesi, coordinato dal procuratore facente funzioni Francesco Giannella, sarebbe emerso che la normativa ferroviaria in vigore non ammette – secondo l’interpretazione accusatoria – il blocco telefonico. La legge – infatti – impone al gestore della linea ferroviaria di adeguare la sicurezza alla migliore tecnologia esistente e il blocco ferroviario sarebbe – per gli inquirenti – la peggiore. Lo conferma la dichiarazione formale di obsolescenza dell’Ansf (Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie).

\r\n

La stessa agenzia – incaricata dal ministero del Trasporti di controllare la sicurezza su quella tratta – ha recentemente imposto i limiti di velocità ai convogli.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui