Cabtutela.it

La prima apertura domenica 5 marzo  dei musei universitari dell’Università di Bari ha registrato un enorme successo di pubblico. Si erano prenotate  nei vari musei del Campus circa 250 persone, ma i visitatori nelle quattro ore di apertura sono stati ben oltre mille:  singoli cittadini o famiglie intere provenienti non solo dalla città di Bari, ma anche dai paesi dell’ area metropolitana e oltre.

In questa prima domenica di apertura i musei visitabili sono stati quelli di Scienze della Terra (sezione di Mineralogia e sezione di Paleontologia)  e di Biologia Lidia Liaci, ai quali si è aggiunto anche l’Osservatorio sismologico ubicato nel palazzo di Scienze della Terra.

L’iniziativa del Sistema Museale di Ateneo dell’Università Aldo Moro, in adesione al progetto del Ministero per i Beni Culturali  “Domenica al Museo”,  continuerà per tutte le prime domeniche dell’anno, escluso due mesi estivi, e sarà caratterizzata anche dall’organizzazione di visite guidate gratuite ed eventi speciali (caccia al tesoro per i più piccoli, concerti a tema, concorsi fotografici, ecc.) per i quali sarà necessaria una prenotazione. A partire da domenica 2 aprile sarà visitabile anche il Museo Orto Botanico e altri musei universitari si aggiungeranno  nel corso dell’anno.

Tale iniziativa si inquadra nelle attività condotta dal Sistema Museale di Ateneo per la tutela, valorizzazione e fruizione dell’ingente patrimonio storico-scientifico e culturale conservato nelle istituzioni museali universitarie a testimonianza non solo dei progressi del sapere e dalla conoscenza, ma soprattutto della storia e delle ricerche svolte nella nostra Università.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui