Cabtutela.it
acipocket.it
MangAmi

Per la prima volta in Puglia, la scrittrice Chiara Gamberale presenterà per il “Libro possibile” il suo ultimo volume, “Qualcosa”, edito da Longanesi. La scrittrice incontrerà il pubblico il 28 marzo alle 10 nell’auditorium del liceo Cartesio di Triggiano e il 29 alle 11 in quello del liceo Canudo di Gioia del Colle. Le presentazioni sono organizzate in collaborazione con i comuni di Triggiano, Capurso, Cellamare e Valenzano, con l’Assessorato all’industria turistica e culturale della Regione Puglia e con il Presidio del libro “Cartesio”.

Chiara Gamberale sarà anche la prima ospite del ciclo di presentazioni del “Libro Possibile Caffè”, il caffè letterario ospitato nelle sale del Castello di Conversano, all’indomani della sua apertura ufficiale. L’incontro con la scrittrice è previsto martedì 28 marzo alle ore 18.30.

Il Libro
“Qualcosa” è una storia delicata, tratteggiata a tinte ora ironiche e comiche, ora drammatiche. Una fiaba che vede come protagonista una principessina dal nome emblematico “Qualcosa di troppo”, una bambina esagerata in ogni sua richiesta e manifestazione, iperattiva e ingombrante, che quando si ritroverà a vivere il primo vero dolore della sua vita, conoscerà quella cosa che gli adulti chiamano “buco nel cuore”. Ma, come accade nella fiaba, sarà un incontro ad aiutarla a capire dove e cosa cercare: quello con il cavalier Niente. E con lui la scoperta dell’amicizia e della noia, chiave di tante piccole porticine attraverso le quali accederà a mondi e percorsi fuori e dentro di sé. E così, tra cadute e risalire, comprenderà che “il puro fatto di stare al mondo è la vera avventura”.

Vivaci e gioiose le immagini del grafico Tuono Pettinato che corredano le pagine di “Qualcosa” una fiaba che affascina un pubblico giovane per insegnare soprattutto a noi adulti l’arte più difficile: il saper vivere.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui