Cabtutela.it
acipocket.it
agricoladiniso.it

L’inchiesta sulla prostituzione minorile allo stadio San Nicola non è terminata. Il pm Marcello Quercia e i carabinieri sono convinti che i due uomini di 70 e 75 anni arrestati ieri non siano gli unici che abbiano pagato dei minorenni per delle prestazioni sessuali.

“L’inchiesta continua”

“Il procedimento in esame – si legge nelle carte investigative – trae origine da un’attività d’indagine – ancora in corso – avente ad oggetto l’attività di prostituzione di bambini di tenera età e ragazzini minorenni, prevalentemente di etnia rom o di origini est europee, che si recavano nella zona antistante lo stadio San Nicola per esercitare l’attività di meretricio. L’approfondimento sull’identificazione dei soggetti responsabili – sottolineano gli inquirenti – coinvolti a vario titolo nel favoreggiamento della prostituzione minorile, nello sfruttamento, nell’induzione o in qualità di meri avventori pronti ad elargire somme di denaro pur di intrattenere rapporti sessuali con i suddetti minorenni, è allo stato in itinere, atteso il verosimile elevato numero degli stessi”. Insomma, la Procura di Bari sospetta che il numero di pedofili sia alto e che, comunque, non sia circoscritto solamente alle due persone arrestate ieri dai militari con l’accusa di aver fatto sesso a pagamento con un 13enne rom.

Il racconto della vittima ai carabinieri

Il minorenne è stato ascoltato dai carabinieri e da uno psicologo e ha riferito cosa accadeva durante gli incontri con i suoi due aguzzini. Un racconto di violenze che abbiamo deciso di non riportare, ci limitiamo a trascrivere un breve passaggio:

Carabiniere: “Tu perché ci vai”

Minore: “Quando vedo che non ho le sigarette, non soldi”

Carabiniere: “Per i soldi?”

Minore: Fa cenno di sì con la testa

Carabiniere: “Perché ti pagano?”

Minore: “Si”

Carabiniere: “Quanto ti pagano di solito?”

Minore: “Venticinque, trenta, trentacinque euro”


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui