In occasione del G7 Bari, in particolare il centro storico e parte del Murattiano, diventerà una zona rossa, interdetta alle auto. I divieti potrebbero partire fin da sabato 6 maggio (includendo quindi anche le limitazioni per la festa di San Nicola) fino al 13 maggio.
L’area interessata da una chiusura totale alle auto sarà quella del Castello Svevo, del lungomare da piazza Massari (ad eccezione del tratto tra il Margherita e l’Autorità portuale) all’hotel delle Nazioni e di corso Vittorio Veneto. Stop al transito anche in corso Vittorio Emanuele, da corso Cavour a via de Rossi: sarà invece aperta via Piccinni. Tutto il centro storico sarà vietato alle macchine e ai residenti sarà garantito il parcheggio in un’area di sosta specifica, molto probabilmente Marisabella (come avviene per i giorni della sagra di San Nicola); stessa possibilità sarà offerta ai residenti del Murattiano.
L’invito del Comune è di utilizzare il meno possibile le auto.
Durante questi giorni sarà previsto un servizio di navette aggiuntivo e sarà implementato il Park&Ride con nuove aree di sosta.
I negozi potranno restare aperti: il sindaco Antonio Decaro, su disposizione della Prefettura, non emetterà alcuna ordinanza di chiusura.
© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
caricamento...

4 COMMENTI

  1. È facile dire che il sindaco non impedisce le aperture dei negozianti,ma si rende conto che i negoziati della zona rossa saranno costretti a chiudere, la cosa che poteva fare per tutto il disagio subito, era di risarcire i danni di quei giorni, ai negozianti della zona rossa,che saranno costretti a chiudere!

  2. più che altro, ma qualcuno ha chiesto ai Baresi se volevamo il G7 e se lo volevamo propio all interno dell area commerciale barese.
    penso che se avessero chiesto a noi commercianti gli avremmo risposto di andarsene gentilmente in fiera del levante che sta li apposta!

  3. Fossi un commerciante del centro chiuderei il negozio soprattutto per protesta…si sono visti nelle altre città cosa hanno combinato…danni a morire…e chi li ha risarciti??? Come al solito nessuno…commercianti abbassate le saracinesche che i danni in un periodo di crisi sono pesanti…

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here