Cabtutela.it
revolution-academy.it
Un lungo post per denunciare una situazione di potenziale pericolo per la vita di una bimba di 18 mesi causata anche dalla chiusura del punto di primo intervento a Santeramo. Una chiusura decisa nelle settimane scorse dall’Asl di Bari perché – questa la motivazione comunicata – non ci sono abbastanza medici per garantire l’apertura H24. A raccontare quanto sarebbe accaduto è un medico di medicina generale, Antonio Laselva, riportiamo integralmente il suo post:
“Ieri alle 00.36 persone disperate sono giunte al punto di primo intervento di Santeramo trovandolo chiuso. La mamma ne ha quasi sfondato la porta, mentre stringeva la figlia di 18 mesi che non dava segni di vita. Poi “ovviamente” si è diretta verso la porta della guardia medica urlando e cercando di entrare violentemente presa dalla disperazione. La piccola non respirava, aveva gli occhi sbarrati ma dopo alcuni stimoli e piccolissime compressioni toraciche ha ripreso lentamente ad ammiccare e poi a tossire e quindi a respirare e poi ha pianto come ha pianto la mamma. La squadra del 118 era in sede e pronta ad intervenire ma fortunatamente non è stato necessario rianimare la piccola, che è stata poi trasportata all’ospedale pediatrico di Bari per accertamenti. Fortunatamente è andata bene, ma se lo scenario fosse stato diverso, ad esempio: Bimba incosciente –  arresto cardiorespiratorio – accesso improprio alla guardia medica – tentativo di rianimazione senza altri mezzi che le mani – Assenza del 118 impegnato in altro intervento = decesso….??? Non si può vivere né lavorare in queste condizioni. Non si può chiudere un punto di primo intervento la notte, con la previsione di chiuderlo per sempre da ottobre.
Non si può chiudere tutto basandosi sui numeri, tralasciando la casistica degli interventi probabili e dei casi che possono sempre presentarsi in un paese di 27.000 abitanti. È come se lo Stato decidesse di eliminare un ponte sul fiume perché tanto ci passa poca gente in un anno. Prima o poi, ci passerà qualcuno sapendo che il ponte c’è ma… precipiterá perché non c’è più, o precipiterá pur sapendolo che non c’è, nel tentativo disperato di attraversare a  nuoto il fiume. In questo caso io intravedo gravi e fondate responsabilità di chi decide ciò! Certe decisioni non può prenderle chi vive a Bari , con 3 Pronto soccorso pubblici ed uno privato convenzionato, con 3 ospedali, con almeno 7 emodinamiche cardiologiche, con la massima concentrazione di assistenza sanitaria. Non si può(e non si deve) chiudere un punto di primo intervento la notte senza avvertire adeguatamente la popolazione anche con i megafoni se necessario! La gente deve sapere che in casi del genere deve allertare il 118 e non portare in giro sperando di trovare il medico di turno che faccia i miracoli con la sola imposizione delle mani, che tanto è un medico e quindi può tutto. Ma questo avviene nei telefilm della tv di Stato! Altra piaga che sta appiattendo i cervelli italioti. Ma come siamo finiti così in basso in Italia? Come abbiamo potuto lentamente assuefarci a questo progressivo impoverimento? Mettete una mano sulla coscienza voi che decidete della nostra vita citando i numeri e i budget, perché prima o poi dovrete risponderne a qualcuno”. 

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui