“Fanno impressione i dati Istat del 2016 relativi alla povertà in Italia che confermano una vera e propria emergenza. Ma nei municipi si fa ben poco per l’inclusione sociale”. Sabrina Gelao è consigliera del terzo municipio (Marconi, Stanic, San Girolamo, Fesca e San Paolo). Per lei una delle battaglie più importanti è proprio quella dell’inclusione sociale.

L\'articolo continua sotto alla pubblicità Storia d'Italia

“Sono saliti a 1 milione e 292mila i bambini che vivono in condizione di povertà assoluta (161mila in più rispetto al 2015) e a 2 milioni e 297mila i minori che versano in condizioni di povertà relativa – spiega –  dati sconcertanti dai quali si intuisce come non si tratti più di un problema circoscritto e dai quali derivano a cascata dispersione scolastica e facile esposizione alla delinquenza organizzata. Diversi sono gli strumenti messi in campo dalla politica tra reddito di inclusione, di dignità e cittadinanza, eppure i quartieri della nostra città e del municipio che con orgoglio e dedizione rappresento in qualità di consigliere, pullulano ancora di ragazzi socialmente esclusi, veri protagonisti della progressiva rottura delle relazioni con la comunità e delle attività in essa svolte e con le istituzioni. Credo pertanto che il municipio, prima di qualsiasi altra cosa, debba assumersi l’impegno e l’obiettivo – prosegue – di incrementare l’inclusione sociale e più in generale lo sviluppo dei ragazzi e delle famiglie, dando loro valide alternative di crescita; vero è che non si tratta di un lavoro semplice, considerando anche i pochi poteri che il municipio possiede mancando in concreto il decentramento, ma è altrettanto vero che non può rimanere indifferente a questa piaga sociale che con il passare del tempo non fa che peggiorare”.

Da qui le proposte:

“Perché allora non sfruttare i finanziamenti europei, nazionali, regionali e comunali e le realtà associative presenti sul territorio? Quanti fondi vengono annualmente persi anziché essere utilizzati per una buona ricaduta economica, sociale e culturale sul territorio? Il municipio potrebbe dare una svolta decisiva istituendo un bando finalizzato all’individuazione di figure competenti capaci di captare i finanziamenti per poi indirizzarli verso le realtà associative presenti sul territorio. L’obiettivo è promuovere tutti quei campi come il teatro, il cinema, la poesia, lo sport e più in generale ogni attività formativa ed educativa, che possano diventare punti di riferimento, ritrovo e svago e che possano offrire nuove possibilità lavorative e di vita”.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
SEI UN UTENTE PROFESSIONAL?
SCOPRI LE OFFERTE VODAFONE SU MISURA PER TE
La compilazione del form autorizza il trattamento dei dati inseriti per finalità di contatto commerciale (Regolamento (UE) 2016/679)
TEL. P.I.

caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here