Cabtutela.it
acipocket.it
MangAmi

A Natale, l’abito buono. In via Sparano inizia lunedì lo sprint per i lavori di riqualificazione che stanno interessando l’isolato della chiesa di San Ferdinando e si estenderanno sui tratti di via Calefati e via Abate Gimma, in corrispondenza con via Sparano. Il make-up riguarda la pavimentazione della sede centrale della carreggiata delle due strade. “L’obiettivo è quello di realizzare la pavimentazione centrale che collega tre isolati – spiega l’assessore i Lavori pubblici Giuseppe Galasso – quello dove stiamo lavorando, il salotto del culto, con i due isolati attigui. In questo modo intendiamo realizzare da subito un unico camminamento che, dal salotto della moda ubicato tra via Piccinni e via Abate Gimma, dove i lavori sono terminati, arrivi all’isolato di tra via Calefati e via Putignani, dove insiste un’altra parte di cantiere”.

Obiettivo è offrire ai commercianti e ai cittadini, che frequenteranno via Sparano durante gli eventi festivi, una strada unica e continua, senza recinzioni né cantieri, e quattro isolati completamente riqualificati a partire da corso Vittorio Emanuele. “Contiamo di rispettare l’impegno preso proprio con i commercianti – aggiunge Galasso – di liberare tutti gli isolati di via Sparano dalle attività di cantiere entro i primi giorni di dicembre. Per questi lavori sarà necessario istituire un divieto di fermata sulle perpendicolari a via Sparano, per piccoli tratti a ridosso della stessa”.

Con apposita ordinanza della ripartizione Infrastrutture viabilità e opere pubbliche, fra il 6 e il 30 novembre, vigerà un temporaneo divieto di fermata ambo i lati su via Calefati, nel tratto tra il civico 66 e 74, e su via Abate Gimma, nel tratto tra i civici 55 e 75, per gli interventi di riqualificazione di via Sparano. L’opportuna segnaletica sarà apposta 48 ore prima dell’entrata in vigore del provvedimento restrittivo.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui