Cabtutela.it
acipocket.it

Il Movimento 5 Stelle ha consegnato simbolicamente ai cittadini pugliesi un assegno da 390 mila euro, denaro pubblico risparmiato grazie al taglio degli stipendi dei primi 12 mesi di mandato dei consiglieri Rosa Barone, Gianluca Bozzetti, Cristian Casili, Mario Conca, Grazia Di Bari, Marco Galante, Antonella Laricchia e Antonio Trevisi.

Nella provincia di Bari sono stati donati televisori per tutte le stanze del reparto di pediatria dell’ospedale San Paolo, una sala cinema nel reparto di pediatria dell’ospedale San Giacomo di Monopoli, due video laringoscopi per neonati alla Asl di Bari e un spirometro nel reparto di pediatria dell’ospedale della Murgia. Nella provincia Bat sono stati donati 2 defibrillatori agli ambulatori per vaccini di Canosa e Spinazzola, due sale cinema nei reparti pediatria dell’ambulatorio per vaccini di Trani e dell’ospedale Dimiccoli di Barletta, uno scanner per l’illuminazione delle vene al “Bonomo” di Andria ed è prevista la consegna di altri defibrillatori nelle strutture di Margherita di Savoia, Andria, Trinitapoli e San Ferdinando di Puglia.

“Ci siamo occupati di uno dei diritti costituzionali più importanti il diritto alla salute – hanno detto i consiglieri cinquestelle – e ora vorremmo lavorare per dare un piccolo contributo per garantire nel migliore dei modi anche un altro diritto fondamentale: quello allo studio. Per questa ragione i nuovi fondi, circa € 257.709,80, che vorremmo destinarli alle scuole pugliesi e anche questa volta decideremo insieme ai cittadini a quali iniziative o progetti destinare ai fondi, attraverso un contest pubblico che abbiamo chiamato “FacciAmo Scuola”.

Fino al 31 marzo sarà infatti chiunque potrà segnalare qualsiasi tipo di idea, necessità o progetto per una scuola in particolare o per tutte le scuole pugliesi collegandosi all’indirizzo www.puglia5stelle.it/facciamoscuola.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui