Cabtutela.it
acipocket.it

Sul governatore Michele Emiliano torna il “fuoco amico” ed è ancora la sanità il tema “caldo”. Da Leu-Mdp a pezzi dello stesso Pd, passando per quei centristi vicino al presidente (vedi Peppino Longo dei Popolari) che, però, non hanno ancora digerito la nomina ad assessore di Totò Ruggeri (quota Udc), la sanità torna ad essere campo minato per Emiliano.

Il rimpasto di governo è ormai alle porte e la situazione è tutto tranne che serena nel centrosinistra, con i mal di pancia di Leu-Mdp, di parte del Pd (i renziani dovrebbero essere accontentati con la nomina di un assessore, possibile quella di Fabiano Amati) e, ora, anche dei centristi. Dopo il voto del 4 marzo, quindi, sono riemerse le fibrillazioni nella maggioranza, a far scoccare la scintilla, questa volta, è stato il ritardo di circa 8 mesi nell’erogazione degli assegni di cura a pazienti gravemente malati o disabili, ad esempio le persone affette da Sla.

Il capogruppo di Mdp-Leu, Ernesto Abaterusso ha colto la palla al balzo per rimproverare Emiliano, ero di far “finta di non conoscere la grave situazione in cui versa la sanità territoriale in Puglia, nonostante dalle Sagre del programma fosse emersa la necessità di lavorare sul rafforzamento della sanità territoriale nelle Asl”. Mdp-Leu torna a ribadire che è “necessario nominare un assessore che si occupi della sanità a tempo pieno, con serietà e responsabilità”. Anche dal Pd piovono critiche pesanti: “La vicenda degli assegni di cura bloccati da luglio è scandalosa: serve un assessore alla sanità che sia presente in assessorato”, commenta Federico Massa.

E poi ci sono i centristi che, invece, hanno come bersaglio preferito l’assessore Ruggeri: “Creare anche solo un minuto in più di disagio, nella vita di chi già è stato colpito duramente dalla malattia, è qualcosa di insopportabile che va contro ogni umana volontà di comprensione. Per questo motivo conto sull’intervento personale del presidente Michele Emiliano per porre rimedio ai disastri posti in essere da chi ha la responsabilità politica dell’assessorato regionale al Welfare”, dichiara il vicepresidente del Consiglio regionale, Peppino Longo, dei Popolari.

 


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui