Cabtutela.it
acipocket.it
aqp.it

In manette due cittadini extracomunitari Bubacarr Jallow, 22enne gambiano, e Mohamed Bah, 35enne guineano, entrambi senza fissa dimora. L’arresto è scattato per  resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale,  con l’uso delle armi, nonché possesso di arnesi atti allo scasso.
Durante uno specifico servizio antiborseggio effettuato presso il mercato rionale settimanale, i poliziotti hanno appreso da un commerciante ambulante, che due cittadini extracomunitari si stavano aggirando con fare sospetto tra le bancarelle, tentando di sbirciare nelle borse delle signore, che affollavano il mercato. Sulla scorta delle descrizioni ricevute, gli agenti hanno individuato i due  nei pressi di Largo Padre Pio.
Immediatamente dopo il fermo, alle prime fasi dell’attività di controllo, BAH Mohamed,  prima ha cominciato ad agitarsi e poi ha spinto energicamente uno dei due poliziotti che è poi caduto per terra; ne è nata una colluttazione e il guineano è riuscito a svincolarsi e a fuggire. Contestualmente anche l’altro fermato, il 22enne gambiano, approfittando della circostanza, ha spinto l’altro poliziotto e, dopo averlo scaraventato letteralmente contro il muro, ha tirato fuori dalla tasca un taglierino, ma è stato bloccato. Fermato poco dopo anche il complice.
La perquisizione personale effettuata sui due arrestati ha permesso di rinvenire e sequestrare il taglierino, utilizzato per minacciare gli agenti, e alcuni arnesi atti allo scasso.
Dopo le formalità di rito, durante le quali veniva accertato che, a carico dell’indagato BAH Mohamed risultava pendente un rintraccio per l’esecuzione di un provvedimento cautelare in carcere, emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Foggia, relativo ad una rapina impropria di una bicicletta, i due sono finiti in carcere.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui