Gli uffici del Tribunale e della Procura, ora spostati tra Modugno, piazza De Nicola e via Brigata Regina, si trasferiranno a Poggiofranco, nel palazzo ex Telecom. Dopo l’annullamento della precedente assegnazione per l’immobile di via Oberdan, il Ministero ha proceduto all’analisi del secondo classificato, aggiudicando in via provvisoria la ricerca di mercato.

Lo stabile di viale Saverio Dioguardi è di proprietà della Nova Re SiiQ S.p.A. Attualmente è occupato e sarà libero da novembre. La possibilità che la Procura resti in via Nazariantz (palazzo dichiarato inagibile e per il quale il  Comune ha previsto la proroga allo sgombero fino a Natale) fino alla entrata in funzione della Telecom sarà discussa domani, mercoledì 5, durante la riunione della Conferenza permanente. Prima della riunione, alle 10.30 magistrati e avvocati effettueranno una manifestazione silenziosa davanti al Tribunale di piazza De Nicola.

Intanto Gaetano Sassanelli, presidente della Camera penale di Bari, ha commentato: ” Che si faccia presto, molto presto, perché il tempo corre e la città non può continuare a rimanere priva della giustizia penale. Indubbiamente portiamo a casa un eccellente risultato per il quale abbiamo fortemente combattuto in questi mesi. Ora bisogna solo sperare che tutto vada per il verso giusto e che non intervengano impugnazioni e sospensive conseguenti alla procedura ordinaria ostinatamente scelta dal Ministero, che ha già determinato l’inutile decorso di 3 mesi. Anche perché a questo periodo dovremo aggiungere quello necessario affinché l’immobile venga liberato ed adeguato». «Prendiamo atto dell’avvenuta aggiudicazione – dice Giovanni Stefanì, presidente dell’Ordine degli Avvocati – ma resta il problema del ritardo e quindi la protesta per il doppio trasloco che ci aspetta. A questo punto ci auguriamo tempi brevi, che si faccia presto per risolvere la drammatica situazione degli uffici e ridurre al minimo danni e disagi».

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here