Il Pd, “con qualche selfie di troppo, è riuscito a passare per il partito che era vicino ai potenti, alle banche, agli industriali, alle grandi organizzazioni”: lo annunciato su Facebook Francesco Boccia, in un video girato al mercato di Bisceglie in cui ha ribadito la volontà di correre per la segreteria e ha aperto al dialogo con M5s. “Un hashtag da lanciare è #aporteaperte – dice ai commercianti – dobbiamo dire a tutti di tornare nel Pd”.

L\'articolo continua sotto alla pubblicità Storia d'Italia

“Non è uno scandalo dialogare su alcune misure”, spiega poi in una successiva intervista al Corriere della Sera, “il Pd deve avere l’umiltà di dire ‘tornate a casa’ ai tanti elettori che si sentivano traditi e hanno votato per loro. Al Sud è stato un plebiscito. Ma adesso che i 5 Stelle al governo si sono messi nelle mani della destra di Salvini, la protezione e il futuro sono a rischio”.

“Io sono nato e cresciuto con le primarie, le ho fatte sette volte. Alcune sono andate molto bene, altre male – aggiunge – Ma il Pd è il partito delle primarie e vanno mantenute. Ovviamente funzionano quando la gente a votare ci va”. E alla domanda su chi abbia ucciso il Pd, risponde: “Una gravissima responsabilità ce l’ha la nostra generazione. Pensavamo di spiegare a chi c’era prima come andava il mondo e invece abbiamo portato il Pd al 18%, la dissoluzione del centrosinistra”. Colpa di Renzi? “La rottamazione ha fallito clamorosamente, è stato un disastro culturale e politico”, risponde.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
SEI UN UTENTE PROFESSIONAL?
SCOPRI LE OFFERTE VODAFONE SU MISURA PER TE
La compilazione del form autorizza il trattamento dei dati inseriti per finalità di contatto commerciale (Regolamento (UE) 2016/679)
TEL. P.I.

caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here