Cabtutela.it
acipocket.it

Lucio Marzo, il 18enne di Montesardo salentino condannato a 18 anni e 8 mesi di carcere per l’omicidio di Noemi Durini, la sua fidanzata sedicenne, dovrà affrontare un nuovo processo per rispondere questa volta dell’accusa di calunnia aggravata nei confronti del meccanico di Patù Fausto Nicolì. Noemi venne uccisa il 3 settembre dello scorso anno e il suo corpo fu rinvenuto dieci giorni dopo la sua uccisione, sotto un cumulo di pietre, in una campagna di Castrignano del Capo.

Il gip della Procura ordinaria Carlo Cazzella, nell’udienza preliminare, ha accolto la richiesta di rito abbreviato avanzata dal legale difensore del giovane, avvocato Luigi Rella. La discussione in aula si aprirà il prossimo 1 febbraio. Lucio, oggi presente in aula, in alcune lettere scritte nel carcere di Quartuccio dove è detenuto, indicò Nicolì come il vero esecutore materiale del delitto, ritrattando quanto invece aveva confessato ai Carabinieri il 13/9/2017, quando confessò di aver ucciso Noemi, indicando il luogo dove aveva occultato il cadavere (Ansa).


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui