“Perché Bari non è in grado di competere con la movida di altre città della provincia?”. L’interrogativo, riportato sulla pagina Facebook del sindaco Antonio Decaro, fa riferimento alla carenza di eventi musicali gratuiti serali nei luoghi pubbici: “Vivo a Bari da 14 anni e sono sempre stato innamorato di questa città. Ricordo che da fine anni 80′ fino ai primi anni del 2000 la gente veniva nel capoluogo pugliese per fare acquisti e frequentare i locali che facevano musica dal vivo, come jam session improvvisate di jazz”. “Oggi – prosegue – la provincia è rinata. Luoghi come Monopoli, Locorotondo, Polignano attraggono i turisti mentre Bari non è più la stessa. Questa città, oltre che ad una giusta e corretta cura del urbanistica, ha bisogno di respirare aria di internazionalità da molti punti di vista”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
caricamento...

1 COMMENTO

  1. Dovrebbe porsela lui la domanda invece di girarla non si sa a chi. Fare un concertino per strada oggi vuol dire chiedere una marea di permessi di vario tipo e pagare tante di quelle tasse e marche da bollo a uffici diversi che la voglia ti passa subito.

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here