Cabtutela.it

La Popolare di Bari deve ora procedere «senza ritardi nel progetto» di «trasformazione in spa mantenendo a valle la cooperativa per tutelare il legame con il territorio, rafforzare il capitale e ristabilire la reputazione e il dialogo con clienti, dipendenti e soci». Lo afferma, in un’intervista all’ANSA il neo presidente dell’istituto Gianvito Giannelli sottolineando come l’idea sia quello di «portare a termine questo progetto entro la fine del 2020» se non prima. «Stiamo lavorando sin da subito, riuniremo il cda anche ad agosto» aggiunge

Giannelli, docente universitario di diritto commerciale, ha ricordato come eventuali operazioni, utilizzando anche le agevolazioni fiscali (Dta) previste dal Dl crescita, devono «però avere alla base un progetto industriale serio». Giannelli ha così sottolineato l’efficacia del modello di trasformazione cui punta la banca, mutuato in parte da quanto fatto dalle Bcc con la riforma che ha dato vita ai gruppi unici: una holding spa a monte delle attività bancarie che manterrebbero il carattere della cooperativa. «Con l’ingresso nel cda di 3 nuove figure professionali di livello», il rafforzamento del capitale e un rilancio anche operativo «contiamo di attrarre investitori» e presentarsi come un una opzione valida per altri soggetti.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui