E’ ricoverato in terapia intensiva del Policlinico di Bari il piccolo di tre anni che, ieri, scivolando da uno scoglio ha urtato la testa e ha rischiato di annegare. La prognosi resta riservata, il bimbo è il quarto di cinque figli.

Il piccolo è stato soccorso da due donne, una infermiera e un’aviere che hanno praticato il massaggio cardiaco in attesa dell’arrivo del 118. Accanto alla famiglia del bambino si sono strette le mamme del rione Libertà che hanno duramente attaccato i “leoni da tastiera” che ieri hanno puntato il dito contro la mamma del piccolo Dylan, accusandola di non aver controllato abbastanza il figlio.

“Ci si aspetta solidarietà tra mamme – scrive Francesca Zicca, commerciante e mamma del Libertà –  Ed invece leggi commenti su testate giornalistiche di saputelle, tuttologhe pronte a puntare il dito.. sicure che a loro non capiterebbe mai!  Ho letto un commento dove una dice “sicuramente la famiglia stava a giocare a carte o a guardare il telefono” o un’ altra che racconta la storia del canalone dando la colpa al sindaco!… Invece forse banalmente ci si aspettava di leggere solo: forza piccolo siamo con te! Non siete nessuno per giudicare!! Piuttosto se siete mamme e che come me avete un bambino, abbracciate il vostro piccolo perché la vita è imprevedibile”.

 

AGGIORNAMENTO

“Il piccolo Dylan è sveglio dal coma farmacologico ed hanno tolto i tubicini dalla gola ed ha iniziato a respirare da solo”. L’annuncio è di una mamma del rione Libertà che ha voluto mostrare la sua vicinanza alla famiglia del piccolo Dylan che da ieri stava lottando per salvarsi dopo una caduta in mare.
“La prognosi non è sciolta – scrive Francesca Zicca –  ma le preghiere delle mamme sono arrivate tutte. La sua forza e la sua tenacia se continueranno nelle prossime ore, ci porteranno a riabbracciare presto il piccolo angioletto riccioluto del Libertà, che ci ha fatto tremare tutte dalla paura”.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here