Cabtutela.it
acipocket.it
ferrovieappulolucane.it

Prosegue senza sosta la lotta agli incivili. Sono state consegnate oggi, ai Comuni della Puglia che ne avevano fatto richiesta, le prime foto-trappole acquistate dall’Agenzia regionale per la gestione dei rifiuti (Ager), con uno stanziamento complessivo di 800mila euro. “La lotta agli incivili per la tutela della nostra terra continua e si fa sempre più concreta – ha dichiarato la presidente di Ager, Fiorenza Pascazio – grazie alla preziosa collaborazione dei Comuni pugliesi. Le foto-trappole serviranno ai corpi di polizia locale per contrastare un fenomeno, quello dell’abbandono selvaggio e illegale di rifiuti, che non solo ha un impatto deleterio per sull’ambiente, ma ha anche conseguenze negative sull’attrattività del territorio e settori economici e produttivi strategici per la regione, come il turismo”.

“Ma non ci fermiamo qui – prosegue Pascazio – dopo le prime 800 foto-trappole in fase di distribuzione, stiamo già procedendo all’acquisto di ulteriori 800 dispositivi e alla riapertura del bando per metterli a disposizione di tanti altri Comuni che hanno già manifestato il proprio interesse. Ovviamente ogni sforzo sarà vano senza la collaborazione dei cittadini: il corretto conferimento dei rifiuti è uno degli elementi fondamentali per rendere la nostra terra ancora più bella e soprattutto più pulita”. Alle sue parole fanno eco quelle del direttore generale di Ager, Gianfranco Grandaliano: “L’acquisto e la distribuzione delle foto-trappole  fa il paio con la pulizia straordinaria delle strade provinciali, misura finanziata con 3 milioni di euro stanziati dalla Regione Puglia, partita in questi giorni in tutte le province del territorio regionale in vista della stagione estiva, che andrà a rinforzare le misure ordinarie di pulizia messe in campo dalle amministrazioni provinciali” – ha concluso.

Foto di repertorio


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui