Cabtutela.it
acipocket.it

Sarebbe stata trascinata dietro la sua auto dalle stesse persone che si erano fermate per prestarle soccorso e che avrebbero tentato di violentarla. È accaduto ieri sera, in Salento, in una strada interpoderale tra Alezio e Gallipoli. Vittima dell’aggressione una ragazza di 25 anni residente in Piemonte e in vacanza in Puglia, che mentre guidava per raggiungere alcuni amici, ha dovuto fermare la macchina a causa di una gomma forata.

A quel punto, è stata raggiunta da due persone che prima hanno finto di volerle prestare soccorso e poi l’hanno aggredita. I due hanno desistito, però, dal loro intento, a causa del passaggio di numerose auto sulla strada e hanno deciso di fuggire. La ragazza è stata visitata nell’ospedale di Gallipoli, dove le sono stati riscontrati i segni della tentata violenza. Subito dopo, ha sporto denuncia.

Sempre a Gallipoli, un turista minorenne di Bergamo è stato colpito, ieri, con una chiave inglese nel corso di una lite scaturita, a quanto pare, da uno sguardo di troppo. Secondo la ricostruzione, il ragazzo 16enne stava passeggiando in compagnia del fratello maggiorenne quando, probabilmente a causa di una telefonata ad alta voce, avrebbe “disturbato” un 30enne di Parabita, con precedenti alle spalle, con cui sarebbe nato un diverbio. Il minorenneavrebbe poi proseguito il suo cammino quando, all’improvviso, è stato invece raggiunto da una vettura, da cui è uscito l’aggressore, che lo ha colpito al volto con una chiave inglese, all’altezza del sopracciglio sinistro.

La vittima dell’aggressione è stata trasportata al pronto soccorso di Gallipoli, da cui è stata dimessa con una prognosi di 10 giorni per una ferita lacero contusa e punti di sutura. Intanto, l’identikit fornito dal ragazzo ha permesso di rintracciare l’aggressore che è stato denunciato per lesioni aggravate da futili motivi e per porto di arma impropria.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui