lapugliativaccina.regione.puglia.it

Cento nuovi alberi in più nella pineta San Francesco di Bari. È quanto accaduto in mattinata. Gli alberi, in particolare, sono stati piantati oggi, a cura di Legambiente e Ernst&Young Foundation, in occasione ella Giornata nazionale degli alberi istituita dal ministero dell’Ambiente per la giornata del 21 novembre.

Città più verdi per rispondere alla crisi climatica, ridurre l’inquinamento dell’aria e migliorare la salute dei cittadini nelle aree urbane: questo l’obiettivo della collaborazione tra EY, leader mondiale nei servizi professionali, e Legambiente. L’iniziativa, più nello specifico, rientra nell’ambito del progetto europeo Life Terra, cofinanziato dal programma Life della Commissione Europea e di cui Legambiente è l’unica referente in Italia, che ha l’obiettivo di mettere a dimora 9 milioni di alberi nelle città italiane entro il 2025.

A contribuire alla messa a dimora di 100 alberature, tra cui 90 arbusti e 10 tamerici, nella città di Bari,  i dipendenti di EY  e i  volontari di Legambiente Puglia, che hanno partecipato attivamente ai lavori di messa a dimora delle essenze selezionate appositamente, tenendo in considerazione le caratteristiche dell’area. L’evento ha visto la partecipazione anche dell’Assessore all’Ambiente del Comune di Bari Pietro Petruzzelli.

“Ringrazio Legambiente e EY per aver scelto Bari come città in cui promuovere questo intervento di messa a dimora di alberi e arbusti – ha commentato l’assessore – la scelta del Comune è ricaduta subito sulla Pineta di San Francesco perché è uno dei luoghi più belli e più frequentati della città. Qui tantissime persone, grandi e piccoli, trascorrono il tempo libero, fanno attività sportiva di sport o semplicemente una passeggiata. Ora la Pineta San Francesco sarà un luogo ancora più accogliente grazie al tocco di verde dato dagli alberi” – ha concluso. Alle sue parole fanno eco quelle della direttrice di Legambiente Bari, Daniela Salzedo.

“Legambiente Puglia – ha commentato –  è sempre in prima fila per sostenere e affiancare queste iniziative. L’opera di raccordo fra le istituzioni, le imprese e i cittadini ha l’unico obiettivo di rendere le nostre città più verdi e sostenibili. Anche la scelta dei luoghi e della tipologia degli arbusti e degli alberi è frutto della condivisione di un percorso più ampio di tutela della biodiversità. Ciò per cui oggi ci stiamo impegnando è l’eredità che lasciamo ai nostri figli” – ha concluso. Massimo Antonelli, CEO di EY Italia e COO di EY Europe West, di dichiara infine “molto orgoglioso della collaborazione instaurata nell’ultimo anno tra EY e Legambiente che, grazie al progetto Life Terra, ci ha permesso di contribuire in maniera incisiva alla riqualificazione di numerose aree in tutta Italia: un’iniziativa che rientra nel quadro delle attività che in EY mettiamo in campo per costruire un mondo migliore per le nuove generazioni. Ciò è stato possibile soprattutto grazie all’impegno e al coinvolgimento delle nostre persone che, insieme ad EY Foundation e attraverso il programma di Volontariato EY Ripples, dedicano il proprio tempo e le proprie competenze per avere un impatto concreto sulla società e sulla vita delle persone”.

In totale, sono oltre 300 i volontari di EY che insieme ai professionisti e ai volontari di Legambiente hanno contribuito alla messa a dimora di 6500 alberi dallo scorso mese di marzo ad oggi, nelle città di Mantova, Milano, Roma e Bari. In particolare: A Roma l’attività si è svolta presso la riserva naturale della Tenuta di Acquafredda, un’area naturale protetta situata nel comune di Roma, compresa nel territorio dei Casalotti. La riserva occupa una superficie di 254 ettari nell’ecosistema ambientale Ponte Galeria – Arrone, frazione Aurelio a Roma. Sono state messe a dimora: 18 querce di 8 anni di età e 32 allori di 5 anni di età.

A Milano invece, l’attività di messa a dimora ha interessato 50 ciliegi di 5 anni di età ed è avvenuta a Cormano nel Parco Pubblico tra via Eritrea e via Kennedy. L’area prescelta fa parte del Parco della Balossa con una superficie di circa 146 ettari, completamente pianeggiante e divisa tra i comuni di Cormano e Novate Milanese. Il parco, situato in una zona ad elevata urbanizzazione, è frequentato da residenti, gruppi di adolescenti, famiglie e bambini. Piantagione policiclica di 6300 alberi da parte di professionisti a Correggioverde in provincia di Mantova, area identificata da Legambiente e dal progetto Europeo Life Terra (aprile 2022). Si tratta di una piantagione mista, ovvero con cicli di lunghezza differenti, tra cui querce, sambuco, acero e platano.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui