BARI – Dodici punti in altrettante partite, è questo il bottino raccolto dal Bari da dicembre a oggi. Due mesi e mezzo da dimenticare, un passo da squadra che lotta per non retrocedere. Detto addio alla promozione diretta, anche i play off rischiano di diventare un miraggio per Defendi e compagni. Non centrare nemmeno l’obiettivo minimo segnerebbe un fallimento. E sarebbe il secondo consecutivo per la nuova Fc Bari 1908 targata Gianluca Paparesta. Le speranze dei biancorossi sono aggrappate a mister Camplone, al quale auguriamo una pronta guarigione. Cancellando il secondo tempo contro il Latina (inspiegabile l’involuzione avuta, ci si augura dovuta ad un calo fisico), un dato non può essere contestato: il tecnico abruzzese ha dato una fisionomia e un gioco, anche piacevole, ad una squadra che con Nicola in panchina si aggrappava quasi esclusivamente alle individualità. Però, le stranezze del calcio, nel momento in cui la formazione biancorossa esprime un gioco migliore e propositivo, i risultati non arrivano. Il confronto, infatti, per ora dice che Camplone ha raccolto 5 punti in meno del Bari di Nicola. Errori individuali, disattenzioni difensive, imprecisione sotto porta hanno relegato i pugliesi alla periferia della zona play off. Il pericolo, adesso, è di finire nell’anonimato. Ad ogni conferenza stampa è stato ripetuto come un mantra: “Conta solo vincere, non possiamo più sbagliare”. Questo ritornello è stato recitato già troppe volte, ben venga quindi il silenzio stampa a metà deciso dalla dirigenza biancorossa: alle parole, ora, devono solo seguire i fatti. Altrimenti resterà un altro sogno infranto.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here