Le vittorie si costruiscono con i gol. Il Bari – che non è riuscito a regalare una gioia al proprio allenatore, Andrea Camplone (ricoverato al Policlinico) – ha esercitato una netta supremazia territoriale contro il Latina, dominando a tratti nel primo tempo, ma ha peccato ancora una volta in fase realizzativa (soprattutto con una occasionassima sprecata da De Luca, solo davanti a Ujkani). Nella ripresa, con gli avversari più pimpanti sul piano atletico, Micai ha corso anche qualche pericolo di troppo, mentre il gioco offensivo ha latitato per scarsità di idee e creatività. Nel primo tempo tre gol annullati (due al Bari e uno al Latina) tutti per fuorigioco. Solo un lampo dal limite di Sansone, a 6′ dal termine, ha scaldato il pubblico. Inevitabili i fischi al 90′.

\r\n

La chiave tattica: polveri bagnate per Maniero e De Luca

\r\n

Poche occasioni create e alcune anche sbagliate clamorosamente. Maniero e De Luca, con Rosina in ombra, non hanno dato prova di poter trascinare la squadra. Contro un avversario sceso in campo con un approccio remissivo, era lecito attendersi una intensità offensiva costante tutta la partita. Mentre nella ripresa qualcuno è rimasto con la testa (e le gambe) nello spogliatoio.

\r\n

Punto di forza: bene Valiani metronomo

\r\n

La trasformazione della mezzala Valiani in centrale di centrocampo ha dato buoni frutti, soprattutto in fase di impostazione, mentre in fase di contenimento è rimasto poco più avanti della linea dei centrali. In attesa del migliore Gentsoglou, bisogna accontentarsi.

\r\n

Punto debole: Donkor fa traballare tutto il reparto

\r\n

L’ex interista è motivato ma ancora scottato dalla papera firmata con Guarna contro il Crotone. Non convince in difesa e soprattutto in attacco dove si ostina a proporre cross dal trenta metri, prevedibili e deboli.

\r\n

La curiosità: striscione per Vito Vasile

\r\n

La curva nord e gli ultras on hanno dimenticato la generosità con cui l’imprenditore Vito Vasile è stato vicino al club nella stagione conclusa con il fallimento. La scomparsa dell’albergatore è stata ricordata con questo striscione: “Bari piange un uomo speciale, ciao Vito, da lassù contininuerai a tifare”.

\r\n

@waldganger2000

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here