Cabtutela.it
acipocket.it

Seni prosperosi, fianchi abbondanti, gambe ben tornite, curvy, plus size, XL. Dopo anni di modelle che rasentano l’anoressia, finalmente le più “burrose” sono tornate alla ribalta, perché il vero must have degli ultimi anni sono proprio le donne dalla 44 in su. Le “donne vere”, come amano definirsi, stanno pian piano invadendo il mondo del fashion!\r\n\r\nTanya Gervasi, Candice Huffine, Ashley Graham, Tess Holiday, sono solo alcuni dei nomi di modelle plus size che le migliori riviste di moda e le passerelle internazionali reclamano a gran voce. L’idea di bellezza sta mutando e con essa anche tutto ciò che ne fa da cornice, lanciando uno sguardo alle icone del passato che sempre più spesso sono prese da esempio. Anche le celebs più curvy del momento non perdono occasione per mostrarsi in tutta la propria femminilità, difetti compresi, basti pensare che Kim Kardashian ha basato la sua carriera proprio sulle sue curve super generose. Ed è proprio lei che insegna il segreto che ogni donna dovrebbe applicare su se stessa: piacersi così come si è, enfatizzando i pregi e celando i piccoli difetti con astuzia.\r\n\r\n

\r\n\r\nAd esempio ottimi alleati delle plus, sono i capi a vita alta: gonne sotto il seno che valorizzano il décolleté e ridefiniscono la figura, a campana per nascondere la pancia o longuette a trapezio per valorizzare i fianchi; jeans e pantaloni a vita alta sia morbidi che aderenti, con maglia messa all’interno e sblusata se si vuole evidenziare il sedere, larga e asimmetrica per non mostrare la pancia. Efficaci le cinture, eleganti e sottili da portare in vita se racchiudono abiti dalle forme scivolate o cardigan delicati, doppie e importanti rigorosamente sopra l’ombelico per look più grintosi. Per le grandi occasioni, abiti in stile impero fermati sotto il seno, morbidi o drappeggiati lungo i fianchi per chi ha un décolleté prosperoso, modelli a tunica in caso contrario. Per gli shorts linee ampie dai tessuti leggeri, da evitare i capi eccessivamente aderenti perché appiattiscono la figura. Per braccia e spalle poco toniche meglio usare giacche o cardigan che coprano i punti critici, o piuttosto optare per maniche a tre quarti. I colori sobri o scuri sono sempre più giusti, come grigio, blu, nero, antracite e viola. Se si amano le tinte forti meglio usarle solo sui punti forza del corpo o sbizzarrirsi sugli accessori. Sì alle fantasie geometriche o a righe (must di quest’anno),”ni” a stampe troppo grandi, potrebbero giocare a vostro sfavore. No al total extra large, crea un effetto contrario, meglio giocare con le forme, tubino aderente con giacca a uovo sopra ad esempio, o gonna a ruota con blazer sfiancato.\r\n\r\nImmancabili i tacchi! Slanciano, danno sicurezza e donano sensualità. Perfetti i sandali aperti e décolleté a punta che assottigliano la gamba, da evitare invece i cinturini alla caviglia, i tronchetti e le ballerine.\r\n\r\nPiccole accortezze per grandi risultati, piccoli dettagli strategici che mascherano quei difetti che ci tormentano ogni giorno. Quei difetti che sono stati così tanto banditi per anni e che oggi sono così tanto ammirati. E al di là di curvy o taglia 38 ogni donna deve amarsi e piacersi, venerarsi e coccolarsi, capire il proprio fisico e sfruttarlo al meglio. Certo una corretta alimentazione e della sana attività fisica sono sempre l’ideale per ogni organismo, ma se qualcuna non riesce a non rinunciare ad un bel pezzo di focaccia barese, pazienza! Siamo tutte ugualmente bellissime nella nostra diversità ed unicità.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui