Cabtutela.it
acipocket.it

Un violinista, Mladen Marinovic, che vive in Austria e arriva da New York, suona a Bari: ma dove? Davanti alle opere di Davide d’Alba, artista barese di cui abbiamo già parlato e che ci ha proposto questo video. Un video in cui due diverse arti si incontrano: musica e pittura si completano attraverso la sensibilità di due anime diverse. Non voglio soffermarmi sui tecnicismi delle due arti, ma far sostare occhi e orecchie sulle emozioni che entrambi donano.\r\n\r\n

\r\n\r\nQuesto è ciò che Mladen ci racconta sui motivi del suo viaggio che lo ha portato proprio a Bari e sul suonare davanti alle opere di Davide.\r\n\r\n
Frisardi
Frisardi
\r\n\r\nRingraziamo Nicola Frisardi, pianista internazionale e console onorario che vive attualmente a Salisburgo, originario di Andria, che ha dato la sua disponibilità per la traduzione.\r\n\r\n”La prima volta che ho sentito parlare di Bari è stato quando un mio carissimo amico che è anche un famosissimo pianista che vive a Salisburgo, Nicola Frisardi, me ne ha parlato. Frisardi è originario di Andria, ha studiato e insegnato a Bari per poi trasferirsi a Salisburgo, dove vivo anche io. Avevo sentito parlare di Bari come una meravigliosa città, che raccoglie cose eccezionali; ho potuto visitare tutte le meraviglie di questa città, dal punto di vista culturale alla tradizione. Tutto questo mi ha affascinato.\r\nPer caso ho conosciuto l’artista Davide d’Alba a Salisburgo, al mio ritorno da New York dove sono stato quasi un anno. Ci siamo confrontati su tanti temi artistici anche sulla musica, abbiamo discusso di tanti problemi e di tanti aspetti legati appunto all’arte e volevo assolutamente conoscere le opere di Davide, che mi ha invitato a Bari per poter vedere da vicino tutta la sua produzione artistica. Così facendo ho avuto la possibilità di ammirare e di conoscere da vicino tutta la complessità e la ricchezza della sua produzione artistica e mi è piaciuto molto perché ho potuto anche ispirarmi musicalmente suonando al mio violino. La sensazione era che stando vicino alle sue opere, tutto quello che io suonavo e quello che usciva dal mio violino fosse qualcosa di ispirato dalla sua arte, la pop art. E sembravano suoni che provenissero da un altro mondo.\r\nTutto questo mi ha dato la sensazione unica e irripetibile perché ho avuto queste vibrazioni con le sue opere artistiche, con le sue produzioni, con le sue figure, con le sue rappresentazioni. Secondo me Davide d’Alba è uno tra i più grandi artisti di arte pop che al giorno d’oggi esistono, sono molto contento di averlo conosciuto e aver avuto questo tipo di approccio, col quale le diverse arti, quella musicale e quella proprio artistica, si sono incontrate.”\r\n\r\n 


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui