Cabtutela.it
acipocket.it
agricoladiniso.it

Case popolari più efficienti a livello energetico, un nuovo ambulatorio e una scuola materna, ma anche tante altre migliorie sulle strade. Il quartiere di San Girolamo si prepara a cambiare volto nei prossimi anni, attraverso un progetto ormai pronto a partire che vede in campo la Regione Puglia, l’Arca Puglia centrale e il Comune di Bari.\r\n\r\nIl cronoprogramma dei lavori nel quartiere a ridosso del lungomare è stato presentato questa mattina a Palazzo di città dall’assessore all’Urbanistica della Regione Puglia Anna Maria Curcuruto, dal sindaco di Bari Antonio Decaro, l’assessore al Patrimonio ed Erp Vincenzo Brandi, l’amministratore unico di Arca Puglia Centrale Giuseppe Zichella e dal direttore generale Sabino Lupelli.\r\n\r\nLe nuove case popolari\r\n\r\n\r\nIl primo intervento riguarderà la costruzione di 106 alloggi popolari a ridosso del lungomare, dove saranno trasferite le famiglie che attualmente risiedono nelle vecchie abitazioni fornite dal Comune nel 1941, ormai a rischio crollo. I lavori partiranno nei prossimi giorni ed avranno una durata di 425 giorni. L’area del cantiere è già stata recintata ed è stata data l’autorizzazione alla ditta bolognese Consitac per l’inizio dei lavori, che copriranno una superfice totale oltre 10mila metri quadrati. Poi verranno abbattuti i vecchi palazzi in cui attualmente risiedono.”Quando abbiamo in precedenza provato a trasferire le famiglie in nuovi alloggi popolari si sono sempre rifiutate, perché lo vivevano come un ‘esodo forzoso’. Questa volta invece le faremo spostare di 20-50 metri al massimo e non dovranno abbandonare il contesto del quartiere”.\r\n\r\nNonostante il leggero aumento del canone di affitto – si parla di una decina di euro in più al mese -, le famiglie riusciranno ad ottenere un significativo risparmio sulle bollette, grazie all’efficienza energetica e la minima dispersione di calore delle case. “Potranno così risparmiare fino al 35 per cento sulle spese delle bollette – ha dichiarato il vicesindaco Brandi -, oltre ad avere case più belle. D’altronde quando sono stati costruiti i precedenti alloggi popolari che saranno distrutti era vietato persino dotarli di un balcone”.\r\n\r\nAl termine di questi lavori verranno poi costruite anche altre 119 case popolari e 363 alloggi di edilizia residenziale, dedicati cioè a coloro che possono permettersi di pagare un canone di affitto maggiore rispetto alle altre famiglie. “Su 1920 richieste di alloggi popolari – ha dichiarato il sindaco Decaro – più della metà può permettersi di pagare anche 200 euro al mese di affitto. A loro sono destinate queste altre abitazioni di social housing”.\r\n\r\nI rendering del progetto\r\n\r\n

\r\n\r\nGli altri interventi: l’ambulatorio, la scuola materna e i parcheggi\r\n\r\nNon solo edilizia sociale, il piano di riqualificazione del quartiere, partito nel 2006 con la consegna delle prime case popolari, prevede anche altri interventi. Verrà infatti costruito un edificio che ospiterà al suo interno un poliambulatorio e un parcheggio interrato. Il palazzo diventerà inoltre una sede della comunità della suore “Figlia di Maria ausiliatrice”.\r\n\r\nNel piano è compresa anche la costruzione di una nuova scuola materna, per un costo totale degli interventi di oltre 12 milioni di euro stanziati dalla Regione Puglia e dal Comune.\r\n\r\nI lavori nel quartiere\r\n\r\nIn contemporanea con gli interventi edili verranno realizzati anche lavori di riqualificazione delle strade a San Girolamo, che saranno completati entro la prossima estate, termine ultimo per la consegna del nuovo waterfront sul lungomare. Ad esempio via San Girolamo sarà allargata e verranno realizzati i marciapiedi. Sono inoltre previsti interventi di rifacimento della fogna bianca nel quartiere e la creazione di nuove aree verdi sul lungomare.\r\n\r\n”Stasera sarò nella scuola Duse  – ha spiegato il sindaco Decaro – per raccontare ai residenti di San Girolamo come cambierà in meglio la zona. Voglio che il quartiere venga ricordato per la sua bellezza e che non sia legato più a nessun tipo di malaffare”.\r\n\r\n 


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui