Cabtutela.it
Fdl2020

Garantire da subito le cure per l’Epatite C a tutti i cittadini pugliesi che ne sono affetti, creare un registro regionale della malattia e far rientrare le spese mediche nel bilancio della Regione e non in quello delle Asl. Sono questi i punti fondamentali della nuovo piano anti Epatite C, il cui documento è stato approvato dalla terza commissione Sanità e che ora si prepara ad approdare in Consiglio per essere votata. Il documento è stato presentato questa mattina dai consiglieri Michele Mazzarano (capogruppo Partito Democratico), Giuseppe Turco (consigliere La Puglia con Emiliano), Napoleone Cera (capogruppo Popolari), Mauro Vizzino (consigliere Emiliano sindaco di Puglia), Enzo Colonna (capogruppo Noi a Sinistra). All’incontro ha partecipato anche Francesco William Guglielmi, primario di Gastroenterologia del presidio ospedaliero Bisceglie-Trani.\r\n\r\nSe dovesse diventare legge la mozione permetterebbe quindi a tutti i malati di accedere alle costose cure e non solo a coloro che possiedono i requisiti indicati dall’Aifa, l’Agenzia italiana del farmaco. Una stima dello scorso anno indica che 23mila i pugliesi hanno contratto il virus Hcv, ma solo 5mila hanno al momento la possibilità di accedere ai trattamenti, con un costo di 140 milioni totali. Sono 5 mila invece i pazienti in attesa di essere chiamati dalle Asl, mentre per i restanti 8mila malati non c’è modo di curarsi, se non andando ad affrontare spese enormi.\r\n\r\n”Per questo – ha spiegato il capogruppo Pd, Michele Mazzarano – stiamo valutando come assicurare le cure a tutti senza incidere sui bilanci delle Asl, introducendo un meccanismo che non produce buchi nella spesa. In terza commissione abbiamo avuto un supporto tecnico scientifico della Asl Bt, che dai dati emerge essere la provincia più interessata da pazienti Hcv positivi. Noi consideriamo questa – ha sottolineato – una battaglia di giustizia sociale, perché riguarda l’estensione del diritto di cura: quando i farmaci hanno costi così alti, solo in pochi possono curarsi”.\r\n\r\n 


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui