Cabtutela.it
acipocket.it
aqp.it

Sovente accade che le migliori e più durature amicizie nascano fra i corridoi del liceo. Se a questo si aggiunge un mentore che educa anche alla cultura, come il professore Augusto Monti, allora questi allievi faranno parte anche la storia di un Paese.

\r\n

Era il 15 novembre del 1933 quando un gruppo di compagni di scuola, di età differenti, uniti da uno scopo comune quale il piacere della discussione, della condivisione di idee e della cultura, fonda la casa editrice Einaudi. Giulio Einaudi, a soli 21 anni, insieme a Leone Ginzburg, Cesare Pavese, Norberto Bobbio e Massimo Mila, danno vita ad una casa editrice che, in un periodo quale quello fascista, diviene la loro missione. Un insieme di cultura e politica che si occupa principalmente di saggistica e che fin da subito evidenzia il suo schieramento antifascista e per questo presa di mira da nazisti e fascisti. Gramsci fu arrestato e mandato al confino nel 1935, mentre Leone Ginzburg ucciso per mano dei nazisti per aver stampato clandestinamente il giornale Giustizia e libertà. Ricorda lo stesso Bobbio riferendosi al logo della casa editrice: “E’ uno struzzo, quello di Einaudi, che non ha mai messo la testa sotto la sabbia”.

\r\n

Fu del dopoguerra la pubblicazione de “I Quaderni” e delle “Lettere dal carcere” di Antonio Gramsci ed è dagli anni Cinquanta in poi la ripresa della “Einaudi” che si discosta dall’immagine iniziale di casa editrice schierata a sinistra.

\r\n

Di seguito proponiamo un’intervista di Norberto Bobbio che racconta la “Einaudi”.

\r\n\r\n\r\n 


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui