Cabtutela.it

Sulla sicurezza ferroviaria interviene il consigliere comunale Massimo Maiorano (Pd). “ Una quotidianità fatta di ferro e sbarre, è da oltre tre anni che il Cipe  ha approvato il finanziamento sul nodo ferroviario, prevedendo interventi infrastrutturali solo per il lato sud di Bari, cancellando di fatto gli interventi infrastrutturali per il lato nord (Palese, Santo Spirito) dove  transitano circa 200 treni al giorno che dividono in due uno dei quartieri più importanti della nostra città.  Si continua a dibattere con proposte virtuali rispetto ad una problematica grave, legata anche alla sicurezza dei cittadini. Voglio ricordare che già nel 2005 avevo presentato un ordine del giorno discusso poi  nel consiglio comunale  del 13 giugno 2006,  recante all’oggetto la messa in sicurezza dei centri abitati in prossimità dei passaggi a livello, ed in  quella circostanza il consiglio comunale bocciò a maggioranza l’odg motivandolo con il fatto che era in atto un piano di fattibilità che prevedeva l’interramento dei binari. Da allora, purtroppo, non si sono viste né nuove opere né, tantomeno, progetti concreti. Si è esclusivamente continuato a disquisire di ipotesi di fattibilità finalizzate a realizzare l’interramento dei binari: ipotesi quest’ultima certamente ideale sul piano teorico, ma che sul piano concreto ha da sempre sollevato perplessità per l’eccessiva onerosità dei costi, oltre che per le tempistiche di realizzazione delle varie opere necessarie”.

“Sono stanco – prosegue – di assistere ad un dibattito sterile e propagandistico da parte di soggetti che, pur sapendo non percorribile la proposta che prevedeva l’interramento dei binari lato nord, continuano  a sostenere tale ipotesi. Ho ribadito fino all’esasperazione in consiglio comunale ed a tutti i livelli di realizzare urgentemente interventi infrastrutturali per mettere in sicurezza i centri abitati in prossimità dei passaggi a  livello nella parte nord, quali sottovia ciclopedonabili  come quelli realizzati lato sud (vedi fermata Marconi) e cavalcavia o sottovia per autoveicoli e la chiusura totale dei passaggi a livello. E’ per questo che ho visto con soddisfazione l’impegno del sindaco Antonio Decaro e l’assessore Galasso  per aver finalmente accolto la mia proposta e dare corso all’ approvazione dello schema di protocollo d’ intesa tra Comune ed Rfi”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui