Cabtutela.it
acipocket.it
ferrovieappulolucane.it

Brindisi, con un sinistro ogni 33.222 residenti è la provincia pugliese (5° in Italia) con la più alta densità di incidenti che coinvolgono motocarri, mentre Bari (1/1.805) è particolarmente insidiosa per chi va in moto e Lecce (1/.4.395) per gli amanti degli scooter. Sono i risultati di un’analisi fatta da DAS, compagnia di Generali Italia specializzata nella tutela legale.

“Negli ultimi anni – spiega Roberto Grasso, amministratore e direttore generale di DAS – sono cambiate le abitudini e le esigenze di mobilità delle persone e di conseguenza anche i rischi connessi. Purtroppo non sempre gli incidenti sono collegati alla guida di veicoli di proprietà, spesso ci si può trovare coinvolti in spiacevoli eventi anche con auto a noleggio, utilizzando il car sharing, procedendo a piedi, in bicicletta, in moto o sui mezzi pubblici. Se si viaggia all’estero – prosegue Grasso – i rischi si moltiplicano, le normative e le sanzioni previste in caso di violazioni sono diverse in ogni Paese e subentrano inoltre problemi legati alla lingua straniera”.

Secondo l’analisi di DAS, la Puglia, con un incidente ogni 60.853 abitanti, è dopo la Toscana (1/58.506) la regione con la più alta densità di sinistri che coinvolgono motocarri. In regione dopo Brindisi è Lecce (1/47.308 – 6° a livello nazionale) la provincia più rischiosa per chi guida questi veicoli. A seguire ci sono Bari, 12° a livello nazionale, con un sinistro ogni 60.182 abitanti, Taranto (1/73.258), Foggia (1/105.142) e BAT (1/131.178). Tra 2007 e 2016 in regione gli incidenti con motocarri sono diminuiti del 36%, con valori inclusi tra il -65% di Foggia e il -19% di Bari.

Chi utilizza il ‘cinquantino’ corre più rischi oltre che nel Leccese (31° In Italia), dove tuttavia gli incidenti si sono dimezzati (-49%) rispetto al 2007, anche in provincia di Bari (1/6.165, -74%), Brindisi (1/6.430, -65%) e BAT (1/9.370). Secondo l’analisi di DAS, gli incidenti in cui sono stati coinvolti motorini si sono ridotti del 70% in provincia di Foggia (1/10.154) e del 79% nel Tarantino (1/19.535). Nel 2016 in regione si è verificato un sinistro ogni 7.005 residenti e gli incidenti sono calati del 65% rispetto al 2007.

Per quanto riguarda gli incidenti in moto, alle spalle di Bari, che ha registrato un calo dei sinistri del 30% ma che conserva sempre la maglia nera, si posiziona la provincia di Lecce, dove la densità degli incidenti è stata di 1 ogni 2.594 abitanti (+8% rispetto al 2007). A seguire ci sono le province di Brindisi (1/3.189, -18%), BAT (1/3.578), Taranto (1/3.733, -53%) e Foggia (1/5.486, -40%).

Chi ama le passeggiate in bicicletta deve prestare particolare attenzione in provincia di Barletta Andria Trani, dove si è verificato un sinistro ogni 5.963 residenti. Molto rischiosa per i ciclisti anche la provincia di Bari dove, a fronte del raddoppio degli incidenti con biciclette (+98%), DAS ha riscontrato una densità dei sinistri di 1 ogni 6.515 residenti. Se in termini assoluti gli incidenti con bici sono più che raddoppiati nel Brindisino (+119%), portando l’incidenza dei sinistri a 1/6.994, in provincia di Lecce (1/8.042) l’incremento è stato del 64%. Va un po’ meglio nel Foggiano (1/11.903, +13%) e nel Tarantino (1/12.469, +62%). In regione, nel periodo preso in esame, è raddoppiato (+98%) il numero di incidenti con biciclette, per una densità di 1 sinistro ogni 7.886 residenti.

 

*rielaborazione DAS su dati Istat 2016

 


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui