Cabtutela.it

A differenza delle prime due settimane di giugno, quando non era stata rilevata la presenza dell’alga tossica, il nuovo bollettino dell’Arpa rivela un quadro leggermente modificato. Non di allarme, ma di presenza che comincia ad aumentare. Stiamo parlando dell’alga tossica, organismo unicellulare giunto in Puglia negli anni Duemila. Se si frantuma sulle rocce libera una tossina nell’aria. Tossina che provoca riniti, congiuntiviti, faringiti, laringiti, bronchiti, febbre, dermatiti. L’Arpa invita a non sostare nelle zone rocciose e in presenza di vento, dove è stata riscontrata la  Ostreopsis ovata e a non consumare frutti di mare crudi sempre provenienti dalle stesse aree.

Nelle due settimane di giugno quindi la presenza di alga tossica è stata rilevata in minima parte a Molfetta, al lido Trullo a sud di Bari, alla Forcatella, a porto Badisco in maniera scarsa (livello azzurro), mentre con presenza “discreta” (livello giallo) a Baia d’Argento in provincia di Taranto.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

1 COMMENTO

  1. Ieri mattina ero a Lido Silvana e nuotando in prossimità delle coste rocciose ho cominciato ad avvertire un bruciore intenso,sono arrivata a fatica a riva e avevo delle minuscole alghe attaccate sulla pelle delle natiche,dal bruciore intenso e insopportabile sono dovuta andare alla guardia medica di Pulsano,nel quale mi hanno dovuto fare un intramuscolo di cortisone,ma con pochi risultati.Ho riscontrato una grave dermatite,simil ustioni di primo grado.Prendete seri provvedimenti perché potrebbe capitare a chiunque,anche a dei ragazzini.

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui